Miocomune.it

La tua informazione locale

Mar15102019

Ultimo Aggiornamento:10:54:15

Indietro Calabria

le notizie della Calabria

Tropea, scoperti dai finanzieri 12 lavoratori in nero in un campo di cipolle

  • PDF
tropea_gdf_cipolla_107031911424

TROPEA – 7 mar. - La Tenenza della Guardia di Finanza di Tropea, sotto la direzione del Comando Provinciale di Vibo Valentia, nell’ambito delle attività di controllo economico del territorio e di contrasto al sommerso da lavoro, ha eseguito un intervento nel comune di Briatico (VV), presso un campo di raccolta della “Cipolla Rossa di Tropea” coltivato da un’azienda agricola della zona.

Leggi tutto...

Reggio Calabria: armi e munizioni un arresto ad Antonimina

  • PDF
antonimina_arresto

REGGIO CALABRIA – 6 mar. - Con l’accusa di detenzione abusiva di armi e munizioni, i Carabinieri della Stazione di Antonimina, assieme ai colleghi dello Squadrone Eliportato Cacciatori Calabria, hanno arrestato Antonio Pasqualino Pelle, 46enne del posto, autista, già noto alle forze dell'ordine.

Leggi tutto...

San Ferdinando, la testimonianza dell'on. Bossio (Pd) allo sgombero della baraccopoli - VIDEO -

  • PDF
San_Ferdinando_Bruno_Bossio

SAN FERDINANDO – 6 mar. - VIDEO - L'on. Enza Bruno Bossio, parlamentare del Partito democratico, si trova a San Ferdinando dove sono in corso le operazioni di smantellamento della baraccopoli. La parlamentare ha sollevato una serie di problematiche legate alla destinazione di tanti occupanti della cosiddetta “Baraccopoli” che si sono incamminati senza una meta verso altri centri dell'area reggina.

Leggi tutto...

Palmi, operazione 'Dominus' contro lo sfruttamento - I particolari

  • PDF
palmi_carabinieri_050319

PALMI – 5 mar. - Nella notte, i Carabinieri della Compagnia di Palmi hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal GIP presso il Tribunale di Palmi, su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di 5 personedi seguito indicate, a vario titolo ritenute responsabili di “Intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro”, “violenza sessuale”, “estorsione” e “istigazione alla corruzione”:

  • Violi Antonino cl. 54 di Sant’Eufemia d’Aspromonte;

  • Zagari Giuseppina cl. 58 di Sant’Eufemia d’Aspromonte;

  • Violi Luigi cl. 37 di Sant’Eufemia d’Aspromonte;

  • Cannizzaro Concetta cl. 44 di Sant’Eufemia d’Aspromonte;

  • Dobrea Vasile cl. 82 all’epoca dei fatti domiciliato a Sant’Eufemia d’Aspromonte;

Le indagini dei Carabinieri, coordinate dal Procuratore Aggiunto Giuseppe Casciaro e dal Sostituto Procuratore Daniele Scarpino, avviate a seguito della denuncia sporta da un cittadino rumeno sfruttato, hanno permesso di documentare l’impiego, tra settembre 2017 e marzo 2018, di cittadini di nazionalità romena e maliana in attività agricole in aperta violazione di basilari norme sul lavoro ed indecorose condizioni alloggiative da parte degli imprenditori agricoli della piana di Gioia Tauro Antonino Violi, Giuseppina Zagari e Luigi Violi.

Sono stati inoltre accertati due distinti episodi di violenza sessuale in danno di due lavoratrici romene da parte del Antonino Violi e di Vasile Dobrea, nonché due episodi d’istigazione di militari dell’Arma alla corruzione e, in particolare, ad omettere dei controlli nei confronti delle attività agricole condotte dai coniugi Luigi Violi e Concetta Cannizzaro in cambio di materiali di utilità. Nel corso delle indagini, espletata anche a mezzo di attività tecniche, gli inquirenti hanno escusso i lavoratori sfruttati che hanno descritto, con dovizia di particolari, i soprusi subiti durante le lunghe giornate lavorative nei campi nonché le condizioni di vita a cui erano costretti. I lavoratori, tutti di nazionalità romena e maliana, hanno dettagliatamente indicato l’inumano orario di lavoro al quale sono stati quotidianamente sottoposti, unitamente ad altri operai versanti nelle loro medesime condizioni, nell’arco di una giornata che iniziava alle prime luci dell’alba e terminava al tramonto o, spesso, addirittura alle 22:00.

Gli stessi venivano sfruttati per una paga irrisoria loro versata in nero dal “padrone” e che si aggirava sui 350-400 euro al mese, a volte addirittura non corrisposta o non versata nei termini pattuiti, che i lavoratori erano costretti ad accettare anche dietro minaccia, come nel caso della lavoratrice romena che la Giuseppina Zagari ha costretto a sottoscrivere un documento, attestante il falso percepimento delle somme dovute.

Inoltre, le dichiarazioni delle persone offese hanno permesso di far emergere condizioni alloggiative assolutamente degradanti, nonché l’espletamento dell’attività lavorativa in assenza di qualsivoglia rispetto della normativa in materia di sicurezza sul lavoro.

Le estenuanti giornate lavorative, fatte di offese e trattamenti degradanti, sono diventate ancora più sconvolgenti in occasione di due viscide aggressioni a sfondo sessuale perpetrate dal VIOLI Antonino e dal DOBREA Vasile in danno di due lavoratrici.

In ultimo i coniugi Luigi Violi e Concetta Cannizzaro hanno tentato di eludere un controllo dei Carabinieri, cercando di sminuire la serietà della situazione di sfruttamento e offrendo ai militari dei prodotti caseari, offerta che ovviamente gli stessi hanno rifiutato con fermezza procedendo a rilevare le irregolarità riscontrate.

Nel corso delle perquisizioni presso le proprietà dei coniugi Antonino Violi e Giuseppina Zagari sono stati rinvenuti un fucile a pompa e 3 pistole di vario calibro in buono stato di conservazione, con matricola abrasa e complete di relativo munizionamento nonché una somma contante di oltre 30.000 euro in banconote di vario taglio. 

Al termine delle formalità di rito i coniugi Antonino Violi e Giuseppina Zagari sono stati tradotti presso la casa circondariale di Reggio Calabria, mentre Luigi Violi è stato posto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione.

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Reggio Calabria, rapina, sequestro di persona: due misure cautelari

  • PDF
carabinieri_melito

REGGIO CALABRIA – 3 mar. - Nella mattinata di ieri, a Reggio Calabria e Cosenza, i carabinieri della compagnia di Melito Porto Salvo hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione di misure cautelari in carcere emessa dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Reggio Calabria, su richiesta della Procura della Repubblica reggina, diretta dal procuratore Giovanni Bombardieri, nei confronti di Carlo Raso, reggino, 47 anni, e Anouar Azzazi, marocchino, 35 anni, ritenuti responsabili, in concorso, dei reati di rapina, sequestro di persona, lesioni personali, porto e detenzione di arma clandestina, ricettazione e furto.

Leggi tutto...

Soriano Calabro, i carabinieri ritrovano e restituiscono il cucciolo 'rapito'

  • PDF
soriano_cucciolo_2_mar

SORIANO CALABRO – 2 mar. - Nel corso degli ultimi giorni, i militari della Stazione carabinieri di Soriano Calabro hanno denunciato in stato di libertà 2 fratelli del posto, di 63 e 60 anni, per il reato di furto. Un cittadino, originario di Sorianello, aveva denunciato il furto del proprio cane, un cucciolo di “Bulldog americano” di soli 2 mesi.

Leggi tutto...

'E' dovere': interdizione per una consulente della Regione e per una società turistica

  • PDF
guardia-di-finanza-catanzaro030317

CATANZARO – 28 feb. - Nella giornata odierna i finanzieri del nucleo di polizia economico-finanziaria di Catanzaro hanno eseguito, su delega della Procura della Repubblica, misure cautelari interdittive nei confronti di un ingegnere, consulente esterno della Regione Calabria, deputato al controllo dei finanziamenti per il settore turistico, e di una società in nome collettivo proprietaria di un villaggio turistico di Ricadi (VV).

Leggi tutto...

Miocomune Atom News Miocomune RSS News

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di piu o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Per accettare i cookie, memorizzare la scelta e nascondere questo banner clicca su Accetto.