Miocomune.it

La tua informazione locale

Infissi Rinaldi! Qualità e convenienza. Showroom a Scalea in via T. Campanella 112 e Corso Mediterraneo

Mar18062019

Ultimo Aggiornamento:01:11:38

Pubblicità:
Indietro Calabria Calabria Caccia e ambiente, nota di Biagio Diana

Caccia e ambiente, nota di Biagio Diana

  • PDF

«Nella sua ultima riunione il Consiglio Provinciale di Cosenza ha approvato due provvedimenti che, a mio parere, meritano particolare risalto e attenzione: il Piano faunistico venatorio provinciale e il Piano straordinario di gestione del cinghiale».

E' quanto afferma, in una nota, l'assessore al Patrimonio faunistico, caccia e pesca della Provincia di Cosenza, Biagio Diana. «Il Piano Faunistico Venatorio – prosegue Diana – è il primo ad essere redatto in Calabria ed è uno strumento fondamentale per la tutela e la gestione della fauna selvatica e per la difesa e la protezione dell’habitat in cui essa vive e si riproduce. Una delle maggiori novità previste nel Piano è quella di promuovere l’istituzione di un Osservatorio faunistico provinciale allo scopo di favorire lo studio della biologia della fauna selvatica presente sul territorio e di verificarne i rapporti con l’ambiente». «Il Piano straordinario della gestione del cinghiale, anch’esso primo in Calabria – aggiunge Diana – nasce, invece, dalla constatazione che, soprattutto nell’ultimo periodo, il fenomeno del sovraffollamento degli ungulati su gran parte del territorio provinciale rappresenti una vera e propria emergenza economica e ambientale.

La Provincia, per contrastare questo fenomeno, ha redatto un piano straordinario di abbattimento soprattutto per quelle zone dove il fenomeno è più presente, ovvero la zona dell’Alto Jonio che comprende i comuni di Plataci, Albidona, Castroregio, Alessandria del Carretto, Oriolo, Nocara e Canna e la zona Pollino-Alto Tirreno che comprende i comuni di Verbicaro, Grisolia, San Sosti, San Donato di Ninea, Acquaformosa, Lungro e Altomonte. Dall’intervento restano escluse le aree ricadenti nel perimetro del Parco del Pollino con cui abbiamo interloquito costantemente e continueremo a farlo, così come lo faremo con il Parco della Sila e con gli altri soggetti istituzionali presenti nella nostra provincia».  

Scalea, in 400 per la seconda edizione della Granfondo Terùn
 
Castrovillari, cambiamenti climatici e sviluppo rurale: concluso il workshop
 
Cosenza, primo tourist-docu-reality del Sud Italia: al via "Calabria Avventura"
 
Scalea: accolta al comune l'artista Anna Maria Maiolino
 
A Scalea, da tutto il mondo per Eventopeople
 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di piu o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Per accettare i cookie, memorizzare la scelta e nascondere questo banner clicca su Accetto.