Miocomune.it

La tua informazione locale

Gio12122019

Ultimo Aggiornamento:10:54:15

Indietro Calabria Calabria Treni al Sud, il Governo risponde a Laratta

Treni al Sud, il Governo risponde a Laratta

  • PDF

CALABRIA – 10 gen. - Domani alla Camera il governo risponderà all'interrogazione urgente dell'on. Franco Laratta, membro della Commissione Trasporti. L'argomento è: il taglio dei treni al sud. E' la quarta interrogazione in un anno dell'on. Franco Laratta che da tanto tempo richiama l'attenzione dei governi verso la politica antimeridionale di Trenitalia.

Ma dai ministri dei Trasporti arrivano, secondo il parlamentare, solo risposte evasive e inconcludenti. Intanto nel sud sono continuati i tagli delle risorse, la soppressione dei convogli a lunga percorrenza, la drastica riduzione dei treni per i pendolari. E in circolazione si vedono ancora convogli con 50 anni di vita, vecchi e sporchi.

«Abbiamo notato – si legge in una nota dell'on. Laratta - che anche il presidente della Regione Calabria, dopo un lungo torpore, ora invoca gesti eclatanti contro il governo-Monti in merito ai tagli nei trasporti ferroviari. Ma dovrebbe ammettere, per onestà intellettuale, che l'attuale condizione dei trasporti nel Sud è il risultato dei violenti tagli operati dal Governo Berlusconi negli ultimi anni.

Noi abbiamo sempre contestato le scelte di Trenitalia che ha tagliato i treni del sud che stanno isolando la Calabria. E siamo pronti a continuare la protesta contro i tagli di Trenitalia.

Ma il presidente Scopelliti ha anche la memoria corta. Lo scorso 14 dicembre aveva avuto splendide parole di elogio per il sistema trasporti calabrese anche in virtù di "nuovi otto finanziamenti in arrivo". Oggi invece fa l'indignato e minaccia di salire sulle barricate. Ma le barricate andavano fatte quando Tremonti ha scippato i Fondi per le Aree Sotto-utilizzate (30 miliardi di euro trasferiti al Nord); quando venivano tagliate le risorse finanziarie che il Governo Prodi aveva destinato alla ss.106, alle strade provinciali e all' A3. Nella totale indifferenza del nostro Governatore.

Ora possiamo anche insieme lottare contro i tagli, ma dobbiamo dire la verità».

TRASPORTI. L'ISOLAMENTO DELLA CALABRIA. C'E' CHI SE NE ACCORGE SOLTANTO ADESSO.

«Il tema dell'isolamento della Calabria è un fatto grave e incontestabile, che i parlamentari del Pd hanno più volte posto, inascoltati, all'attenzione del governo nazionale». E' quanto si legge in una nota firmata dai parlamentari calabresi del Pd: De Sena, Calipari, Laratta, Laganà, Lo Moro, Marini, Minniti, Oliverio. «Tutti sanno bene che la Calabria soffre più di ogni altra regione italiana, comprese le altre regioni del sud, in quanto a collegamenti e infrastrutture. Ragion per cui avevamo a suo tempo chiesto un Tavolo nazionale con Governo, Regione Calabria, Ferrovie dello Stato, Anas, Alitalia, anche per scongiurare gli effetti dei tagli devastanti imposti dal governo Berlusconi con le varie Manovre Finanziarie. Quella nostra proposta venne fatta cadere, nel silenzio anche della nostra regione che in tema di tagli ai trasporti e infrastrutture, di scippo dei fondi FAS e di tutte le altre devastanti scelte anti meridionali del governo Berlusconi-Bossi-Tremonti, non ha mai speso una parola di protesta e contestazione. 

Nessuno può pensare  - si legge ancora - che chi negli anni scorsi non ha adeguatamente reagito a politiche dichiaratamente antimeridionali, possa oggi mettersi alla testa di un momvimento di contestazione al nuovo governo. Che invece sui temi del Mezzogiorno, almeno nelle intenzioni, ha manifestato una certa discontinuità rispetto al passato. Dobbiamo comunque incalzare il governo a riconoscere le condizioni in cui si trova la nostra regione, e per questo ci batteremo con determinazione per come abbiamo sempre fatto. Così come crediamo debba essere impegno comunque quello di favorire scelte e investimenti strategici verso il Sud e la Calabria in particolare, che paga alla crisi economica in atto un prezzo altissimo».

Miocomune Atom News Miocomune RSS News

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di piu o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Per accettare i cookie, memorizzare la scelta e nascondere questo banner clicca su Accetto.