Miocomune.it

La tua informazione locale

Infissi Rinaldi! Qualità e convenienza. Showroom a Scalea in via T. Campanella 112 e Corso Mediterraneo

Sab17112018

Ultimo Aggiornamento:06:37:09

Pubblicità:
Indietro Calabria Calabria Civita, la tragedia del Raganello: ecco i nomi delle dieci vittime

Civita, la tragedia del Raganello: ecco i nomi delle dieci vittime

  • PDF

CIVITA – 21 ago. - Concluse le attività di ricerca sul torrente Raganello. I tre dispersi, come è noto, non si trovavano nelle gole del torrente e quindi, oltre ogni ragionevole dubbio, si ritengono concluse le attività di ricerca e salvataggio portate a termine con estrema professioknalità dai soccorritori.

Le dieci vittime, come è noto, provengono da varie regioni d'Italia. I nomi sono stati diffusi al termine dell'attività:

Antonio De Rasis, 32 anni, Trebisacce, una delle guide;

Gianfranco Fumarola, 43 anni, Martina Franca (Taranto);

Claudia Giampietro, 31 anni, Conversano;

Carlo Maurici, 35 anni, Roma;

Maria Immacolata Marrazzo, 43 anni, Ercolano (Napoli);

Miriam Mezzolla, 27 anni, Taranto;

Paola Romagnoli, Bergamo, 55 anni, ricercatrice universitaria;

Antonio Santopaolo, 44 anni, Napoli;

Carmela Tammaro, 39 anni, Napoli;

Valentina Venditti, 34 anni, Roma.

Il procuratore della Repubblica di Castrovillari, Eugenio Facciolla, ha aperto un fascicolo d'indagine ed ha formulato i possibili reati. Nelle prossime ore si svolgerà l’esame autoptico delle vittime.

TRAGEDIA DEL RAGANELLO, DOMANI BANDIERE A MEZZ'ASTA IN CITTADELLA

“Ritengo doveroso, in presenza di una tragedia così rilevante come quella delle Gole del Raganello, di disporre per domani, 22 agosto, una giornata di lutto regionale, con l'esposizione delle bandiere a mezz'asta alla Cittadella”.Lo ha annunciato il presidente della Regione Mario Oliverio che ha aggiunto: “dolore per i morti, grande solidarietà e cordoglio per i feriti ed i parenti delle vittime, in gran parte venuti in Calabria per trascorrere qualche sereno giorno, sono condivisi da tutta la comunità calabrese”.Inoltre, su espressa volontà del presidente Oliverio è stato anche disposto l’abbassamento d’intensità delle luci della sede degli uffici regionali.

RENDE IL SINDACO MANNA VICINO AI FAMILIARI DELLE VITTIME

Sono vicino ai familiari delle vittime della tragedia avvenuta nella gola del Raganello. E’ veramente un’estate non facile caratterizzata da avvenimenti che ci hanno lasciato sgomenti e con la tristezza nel cuore”. Inizia così la nota del sindaco di Rende Marcello Manna che vuole sottolineare anche “ il grande sforzo degli uomini della protezione civile, dei vigili del fuoco e di tutti i volontari che in queste ore stanno cercando i dispersi. La notizia del ritrovamento dei tre ragazzi pugliesi di 21, 22 e 23 anni è una notizia che indubbiamente mette un poco di conforto su un vero e proprio dramma a cui non avrei mai voluto assistere”.

L'ASSESSORE RIZZO: «UNA TRAGEDIA CHE CI LASCIA SCONVOLTI»

L'assessore regionale all'ambiente Antonella Rizzo esprime vicinanza alle famiglie delle vittime e sostegno ai feriti della tragedia delle Gole del Raganello. "Una sciagura che ci lascia sconvolti ma che impone una rigorosa riflessione a tutti noi. Il primo obiettivo - aggiunge l’esponente della Giunta - deve essere la sicurezza. In tal senso occorre immediatamente attuare un Piano di sicurezza e un regolamento per la fruizione delle Gole. Non è pensabile che un angolo di Paradiso possa trasformarsi in un inferno e un giorno di allegria e spensieratezza diventi tragedia e lutto. Sono certa che il presidente del Parco Nazionale del Pollino farà da subito un ottimo lavoro. Io personalmente e i tecnici del mio Dipartimento garantiamo la nostra fattiva collaborazione per far sì che mai più accadano tragedie così sconvolgenti". L'assessore ha poi ringraziato la Protezione Civile, i Vigili del Fuoco “che con grande professionalità – afferma l’assessore Rizzo - stanno garantendo i soccorsi e sono impegnati per il ritrovamento dei dispersi che mi auguro vengano ritrovati sani e salvi”.

IL RINGRAZIAMENTO AI SOCCORRITORI DELL'ASSOCIAZIONE BASTA VITTIME

Nel tragico pomeriggio di ieri, tra le gole del Raganello, nel Comune di Civita hanno perso la vita Carmen Tammaro e Antonio Santopaolo, originari di Qualiano (in provincia di Napoli) e genitori di due bambine di 10 e 12 anni, per fortuna tratte in salvo dai soccorritori, che ora resteranno senza genitori. Maria Immacolata Marrazzo, 43enne originaria di Torre del Greco, che era tra i dispersi ma il cui corpo è stato poi ritrovato senza vita, mentre il marito e i loro due figli sono riusciti a salvarsi e sono ricoverati in ospedale. Tra le vittime infatti c’è anche Antonio De Rasis, 32enne di Cerchiara di Calabria, una guida esperta del luogo, che era stato anche tra i soccorritori intervenuti dopo la valanga di Rigopiano. Le altre vittime sono Carlo Maurici e Valentina Venditti di Roma; Claudia Giampietro di Conversano (Bari); Gianfranco Fumarola, agente di polizia penitenziaria 43enne di Cisternino (Brindisi); Miriam Mezzolla, 27enne di Torricella (Taranto); Paola Romagnoli, bergamasca ma residente in Francia con il marito olandese. 
Negli ospedali calabresi sono ricoverati quattro bambini rimasti feriti, due maschi e due femmine in buone condizioni, anche se la paura è stata tanta. In condizioni più gravi sarebbe invece una bimba di 9 anni che è stata trasferita nella notte in eliambulanza nell’ospedale Cardarelli di Napoli. La decisione è stata presa in considerazione della gravità delle sue condizioni, dovuta all’ingestione di fango e sabbia. Per lo stesso motivo è ricoverata nel reparto rianimazione dell’ospedale di Cosenza la 24enne di Trebisacce salvata ieri dai soccorritori. Gravi sono anche quattro uomini politraumatizzati. 
Stanno bene invece Adriana Pugliese, Giuseppe de Santis ed Enrico Luccarino, che erano tra i dispersi e che sono stati ritrovati in vita dai soccorritori. 
L’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” esprime un pensiero di ringraziamento ai soccorritori: come sempre eroici. Tutti. 
Un abbraccio ideale di sincera vicinanza alle comunità di Civita e del Pollino. 
Infine, vogliamo stringerci attorno alle famiglie delle vittime colpite dalla Tragedia nelle Gole del Torrente Raganello. Preghiamo per il dolore dei familiari delle vittime. #bastavittime106

IL CORDOGLIO DI SLOW FOOD

Siamo sicuri che tutta la operosa e virtuosa comunità di donne e uomini di CIVITA vorrà e saprà superare questo difficilissimo e tristissimo momento di sofferenza e lutto. Divenuta in questi anni riferimento intelligente e protagonista nella capacità di promozione e accoglienza turistica, CIVITA dimostrerà presto la qualità, la passione, la forza e l'ottimismo vitale testimoniato da un patrimonio di risorse umane e naturali che hanno saputo fare fino ad oggi e continueranno a fare la differenza. Oltre la tragedia, che ha distrutto la vita di almeno 10 persone e delle loro famiglie e che ha colpito ognuno di noi, CIVITA e tutto il POLLINO restano tra le destinazioni turistiche sostenibili più belle ed affascinanti della CALABRIA e del Sud che dobbiamo continuare a promuovere e di cui dobbiamo continuare andare fieri ed orgogliosi.

È quanto dichiara il Fiduciario del Convivium Lenin MONTESANTO esprimendo a nome della grande rete SLOW FOOD POLLINO SIBARITIDE ARBERIA i sentimenti di cordoglio alle famiglie delle vittime e di vicinanza e di incoraggiamento agli amici, ai rappresentanti istituzionali ed alla rete associativa, imprenditoriale e commerciale del borgo arbërëshe del POLLINO che deve continuare a reagire con determinazione e sguardo in avanti. Aderendo al lutto regionale proclamato dal Presidente Mario OLIVERIO, la Condotta per tutta la giornata di MERCOLEDÌ 22 AGOSTO, oscurerà la propria pagina sociale FACEBOOK.

È importante, soprattutto in questo momento – continua MONTESANTO – che nessun sipario si chiuda su una comunità che non può e non deve essere travolta dagli effetti mediatici perversi di una tragedia che ha già sconvolto abbastanza. Al danno non deve seguire la beffa. Sarà importante sicuramente riflettere e fare luce, nei modi e nei tempi più opportuni e da parte di chi ne ha competenza nelle sedi preposte, sulle esatte cause di quanto accaduto, perché eventuali errori e responsabilità, qualora accertati, non debbano ripetersi, a CIVITA ed ovunque. Ciò che sicuramente compete a ciascuno di noi oggi – aggiunge – è contribuire dal basso a tenere alta l'attenzione e a non spegnere la luce della vitalità, dell'azione e del nostro impegno territoriale per continuare a considerare CIVITA ed il POLLINO modello di riferimento per lo sviluppo ecosostenibile e durevole dell'entroterra, della CALABRIA e del SUD. È con questo spirito e con questa missione che – conclude MONTESANTO – con le nostre bandiere listate a lutto con la mente e con il cuore, dedicheremo e tematizzeremo a CIVITA e alla sua promozione, tutte le nostre iniziative, a partire dal grande VILLAGGIO SLOW FOOD dei produttori di eccellenza che sarà ospitato nell'evento territoriale promosso dall'associazione OTTO TORRI SULLO JONIO GIOVEDÌ 23 sul LUNGOMARE di ROSETO CAPO SPULICO.


Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Catanzaro, sanità, politica e 'ndrangheta: le intercettazioni di 'Quinta bolgia'
 
Vibo Valentia, scoperto un falso cieco: denunciati anche due medici
 
San Luca, traffico di droga arrestato il latitante Callipari
 
Fuscaldo, operazione 'Merlino': 14 arresti. In manette il sindaco
 
Scalea, inaugurata al Comprensivo l'aula relax: idea 'Fuoriclasse'
 

 
istituto professionale gabriele - Tortora - 0985 765256

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di piu o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Per accettare i cookie, memorizzare la scelta e nascondere questo banner clicca su Accetto.