Miocomune.it

La tua informazione locale

Infissi Rinaldi! Qualità e convenienza. Showroom a Scalea in via T. Campanella 112 e Corso Mediterraneo

Mer19092018

Ultimo Aggiornamento:07:01:58

Pubblicità:
Indietro Calabria Calabria Civita, la visita di Oliverio e dei parlamentari del Pd e di Cinque stelle

Civita, la visita di Oliverio e dei parlamentari del Pd e di Cinque stelle

  • PDF
  • Prec.
  • 1 of 6
  • Succ.

CIVITA – 22 ago. - II Presidente della Regione Mario Oliverio insieme al Capo Dipartimento della Protezione Civile Nazionale Angelo Borrelli e al Capo della Protezione Civile regionale Carlo Tansi questa mattina, prima di effettuare un sopralluogo aereo sulle Gole del Raganello e di incontrare a Civita amministratori e soccorritori, ha reso omaggio alle vittime della tragedia di lunedì scorso, ha visitato i feriti ricoverati presso l’ospedale civile di Castrovillari, ha chiesto notizie ai sanitari del Pronto Soccorso sulle loro condizioni di salute e si è soffermato a lungo con i familiari delle vittime, esprimendo loro cordoglio sincero e umana vicinanza. 

“Quella che si è verificata nelle Gole del Raganello nei giorni scorsi- ha detto Oliverio parlando con i giornalisti a Civita- è una tragedia che lascia un segno profondo e indelebile e, credo, non sia questo il momento delle polemiche. DI fronte ad una tragedia di tale portata c'è solo bisogno di silenzio e di profondo rispetto per le vittime e per quanti sono stati coinvolti. Naturalmente - ha aggiunto Oliverio - è necessario ragionare e riflettere perché si possano trarre indicazioni utili affinchè tragedie come questa non accadano mai più. Gli organi preposti alle indagini sono già al lavoro per accertare eventuali responsabilità. A noi, di fronte ad un momento di così grande dolore e cordoglio, è chiesto di essere sobri. Sarebbe troppo facile, in momenti difficili come questi, puntare il dito e assumere atteggiamenti accusatori".

"A tal proposito colgo l’occasione per rinnovare i miei ringraziamenti - ha detto ancora Oliverio – a tutti coloro che si sono prodigati giungendo subito sul posto, prestando immediatamente soccorso e salvando tante vite umane con grande abnegazione e sacrificio. Grazie al loro intervento si è evitato che la tragedia assumesse dimensioni ancora più grandi e più tragiche. Un altro ringraziamento sincero voglio rivolgere ai cittadini e, in particolare, al Sindaco di Civita che in questo giorni è stato costantemente in trincea, senza risparmio di energie e con il quale sono stato permanentemente in contatto”.

“In questi anni -ha proseguito il Presidente della Giunta regionale- uno degli obiettivi prioritari che ci siamo prefissi alla guida del governo regionale è stato quello di rilanciare e riorganizzare la Protezione Civile regionale che riteniamo fondamentale sempre, ma soprattutto in un territorio a rischio come il nostro. Negli ultimi tre anni siamo passati dal 52% dei Piani di Emergenza dei Comuni ad oltre il 93%; stiamo lavorando per realizzare una rete di allertamento sempre più efficiente ed efficace; in raccordo con la Protezione Civile Nazionale stiamo facendo in modo che la Calabria sia inserita pienamente nei circuiti nazionali e, in questa direzione, abbiamo investito importanti risorse. Al momento del mio insediamento alla guida della Regione ho incaricato di riorganizzare questo settore un professionista serio e preparato come Carlo Tansi di cui avevo già sperimentato la preparazione, le competenze, la passione e l’abnegazione quando ero Presidente della Provincia di Cosenza. Insieme a lui in questi anni abbiamo cambiato il volto della Protezione Civile regionale. Abbiamo quasi definito la rete del volontariato, il rafforzamento degli uomini e ka distribuzione dei mezzi su tutto il territorio regionale, facendo fare un enorme salto di qualità a tutti il sistema operativo, ma ancora c’è tanto altro da fare e noi continueremo a lavorare in questo senso”.

“Naturalmente -ha concluso il Presidente della Regione- rispetto a situazioni di dimensioni straordinarie come quella verificatasi nelle Gole del Raganello, che si sono verificate anche a livello nazionale pur in presenza di un sistema ben organizzato e più volte sperimentato, non ci resta che imparare e affinare sempre più e meglio gli interventi di allertamento e, soprattutto, il sistema di prevenzione, affinchè tragedie come quella verificatasi nei giorni scorsi tra le Gole del Raganello non abbiano mai più a ripetersi. La strada imboccata ci sembra, comunque, quella giusta”.

Subito dopo l’incontro con la stampa, il Presidente Oliverio ha salutato i soccorritori uno ad uno ed ha partecipato ad un vertice operativo presieduto dal Capo della Protezione civile Angelo Borrelli presso il Municipio di Civita alla presenza del Prefetto di Cosenza Paola Galeone e del questore Giovanna Petrocca nel corso del quale sarebbero state valutate una serie di iniziative da assumere a favore delle persone coinvolte nella sciagura di lunedì scorso.

Oliverio e Borrelli, infine, si sono spostati in elicottero all'ospedale di Cosenza dove hanno fatto visita alle altre vittime, agli altri feriti e ai loro familiari.

I PARLAMENTARI MAGORNO E BRUNO BOSSIO A CIVITA

“Abbiamo ritenuto doveroso recarci stamattina a Civita, nel giorno del lutto regionale indetto dal presidente Mario Oliverio, per vedere con i nostri occhi i luoghi della tragedia avvenuta nella gole del Raganello, costata la vita a dieci persone, e per portare conforto alle comunità e agli amministratori. In queste ore ancora cariche di dolore ci sentiamo legati alle vittime, ai feriti e ai loro familiari, ai quali esprimiamo commozione e solidarietà. E un sentimento di vicinanza ci appare doveroso nei confronti delle comunità di Civita e dei paesi vicini che hanno affrontato con un piglio di grande umanità questa tragedia. A Civita abbiamo incontrato un sindaco, Alessandro Tocci, non solo provato ma che rischia di essere il capro espiatorio di una vicenda ancora complessa e con responsabilità da definire. 

Come sappiamo, l’attività istruttoria e di indagine su quanto accaduto nella giornata del 20 agosto è appena partita: non abbiamo, dunque, elementi certi per stabilire colpe ed eventuali omissioni. In questa fase, avvertiamo l’urgenza di stare accanto ai sindaci e agli amministratori tutti di Civita, un piccolissimo borgo divenuto simbolo non solo per le sue bellezze paesaggistiche ma anche per la qualità dell’offerta ricettiva, grazie all’intraprendenza e all’operosità di un’intera comunità, nella quale la mano pubblica si è saputa stringere con quella privata. Capire cosa sia accaduto e cosa, eventualmente, non sia stato fatto è doveroso e le autorità tutte sono impegnate per fare piena luce sulla tragedia. A loro ci affidiamo con completa fiducia. La nostra proiezione, però, deve essere futura: il territorio del Parco del Pollino in cui ricadono le gole del Raganello, ad esempio, è regolamentato da diverse autorità, incluso il Demanio. Per cui, la nostra proposta è che dalle istituzioni nazionali in tempi brevi venga messa a punto una precisa e puntuale organizzazione delle competenze, in modo tale che la macchina della prevenzione e dei controlli possa funzionare a regola d’arte, non criminalizzando amministratori locali, già costretti a lavorare a mani nude in contesti di criticità economica, e soprattutto salvaguardando la vita delle persone”.

L'INTERVENTO DELLA SENATRICE ROSA SILVANA ABATE 

«Ieri mattina — racconta la senatrice Pentastellata — insieme ai Deputati Francesco Sapia e Francesco Forciniti ci siamo recati immediatamente sul posto. È un episodio che ha colpito tutti ma ora bisogna fare uno scatto ulteriore. C'è necessità di una analisi fredda e lucida che vada al di Ià della dimensione umana». Da quanto è emerso nelle ore successive alla tragedia, pare che ci siano stati una serie di accessi all'area non regolamentati, a vari livelli. Per la senatrice bisogna considerare che ci sono forti rischi quando si fanno escursioni in natura e che queste non sono sempre gite o passeggiate e che ne necessitano, anche, in alcuni casi, di attrezzature speciali di protezione. È necessario considerare sia a livello individuale, ma soprattutto a livello istituzionale, quali possano essere i seri rischi e pericoli a cui vanno incontro i visitatori di questi siti.

«La nostra Regione — spiega ancora — è ricca di posti dove fare turismo ambientale che sicuramente vanno promossi ma contestualmente bisogna lavorare alla creazione di percorsi sicuri tutelati. Bisogna studiare e prevedere programmi e percorsi diversi ed adeguati a una fascia di visitatori adulti ed esperti ed altri percorsi adeguati e destinati solo ed esclusivamente a famiglie e bambini da attuare con esperti di questo tipo di escursionismo. Questo è un compito che devono assolvere le Istituzioni nei vari gradi e livelli, appunto, per Ia tutela e l'incolumità dei visitatori. Infatti sono proprio le istituzioni preposte a dover valutare rischi e pericoli e a decidere le regole. Io, come senatrice, mi farò portavoce di tale problematica, che riguarda Ia Calabria, ma da quello che apprendo riguarda tutte le regioni, nella commissione parlamentare competente». «Con profondo dispiacere — chiude — mi auguro che si accertino, come già sta avvenendo, le responsabilità. Le gole del Raganello vanno messe in sicurezza e insieme ad esse tutti i siti che presentano queste analogie. Purtroppo è stata una tragedia da cui bisogna imparare affinché il turismo ambientale venga regolamentato. L'invito che vorrei fare a tutti è che non ci si avventuri troppo davanti alle meraviglie della natura. II senso del rischio e del pericolo nella società attuale s'è molto affievolito e bisogna richiamare tutti a prestare maggiore attenzione». Poi dalle Gole, i Parlamentari M55 si sono spostati all'ospedale di Castrovillari per far visita ai feriti: «Esprimo il mio cordoglio e la mia vicinanza a queste persone - conclude la Abate - che erano venute per qualche giorno di vacanza e purtroppo sono trovate a vivere un vero e proprio inferno che ha smembrato con ferocia i loro nuclei familiari. Sono a loro disposizione sia a livello personale sia a livello Istituzionale sia per ogni evenienza o bisogno».

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Scalea, concluso l'evento 'Notte in note' 2018 - VIDEO
 
Cassano, l'arresto del latitante Luigi Abbruzzese - VIDEO
 
Santa Maria del Cedro, successo per il festival Beach volley
 
Diamante, disturbatori al concerto dei New Trolls
 
Scalea, selfie e autografi con Angelo Famao, star di You Tube
 

 
istituto professionale gabriele - Tortora - 0985 765256

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di piu o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Per accettare i cookie, memorizzare la scelta e nascondere questo banner clicca su Accetto.