Miocomune.it

La tua informazione locale

Infissi Rinaldi! Qualità e convenienza. Showroom a Scalea in via T. Campanella 112 e Corso Mediterraneo

Mer24072019

Ultimo Aggiornamento:10:33:21

Pubblicità:
Indietro Calabria Calabria Catanzaro, doppia attività per un dirigente di Calabria verde: sequestro di beni

Catanzaro, doppia attività per un dirigente di Calabria verde: sequestro di beni

  • PDF

CATANZARO – 25 feb. - Nei giorni scorsi i finanzieri del comando provinciale di Catanzaro, su disposizione della procura regionale della Corte dei conti per la Calabria guidata dal procuratore regionale Rossella Scerbo, hanno sequestrato beni immobili, crediti, conti correnti e attività finanziarie per quasi 1,5 milioni di euronei confronti di un dirigente dell’azienda Calabria verde di Catanzaro, già in servizio presso l’azienda forestale della Regione Calabria (Afor).

L’importo costituisce il danno erariale causato all’azienda pubblica che la magistratura contabile, nell’ambito dell’operazione “Prendo tutto” dei militari del nucleo di polizia economico-finanziaria di Catanzaro, contesta al managerin questione. L’istruttoria, condotta dalla Guardia di finanza su coordinamento del sostituto procuratore regionale Davide Vitale, ha, infatti, consentito di rilevare che un dirigente di settorenell’ente pubblico regionale aveva continuativamente svolto, per oltre un decennio e senza mai essere stato autorizzato, attività libero-professionale ingegneristicaassolutamente incompatibile con l’incarico di dirigente pubblico.

Tale attività veniva condotta parallelamente a quella ufficialmente ricoperta in Afor (e, successivamente, in Calabria verde), in un arco di tempo che va dal 2004 al 2015, e consentiva di conseguire lauti compensi “extra”, che invece di essere riversati nelle casse dell’ente pubblico, come invece la normativa espressamente prevede, sono stati incassati direttamente dal dirigente. L’ammontare del danno erarialecagionato all’azienda forestale regionale è stato, quindi, determinato proprio in base a tali compensi indebitamente riscossi, nonché tenendo conto degli stipendi percepitiin questi 13 anni quale dirigente pubblico.

Tutte queste somme sono state sottoposte a sequestro conservativoda parte dei finanzieri del gruppo tutela spesa pubblica del nucleo Pef di Catanzaro, al fine di garantire il risarcimento alle casse dello stato in caso di condanna.

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Scalea si prepara a festeggiare la sua Patrona - VIDEO -
 
A Grisolia il workshop sul 'diritto' nel settore agricolo
 
Scalea, solenne incoronazione e intronizzazione della Madonna
 
Scalea in piazza 2019, anteprima: le interviste- VIDEO
 
Scalea, firmata la convenzione fra comune e "Mare pulito”
 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di piu o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Per accettare i cookie, memorizzare la scelta e nascondere questo banner clicca su Accetto.