Sciame sismico tra Calabria e Basilicata

VERBICARO – Nuova scossa tellurica nell'area montana dell'alto Tirreno cosentino, al confine con la Basilicata. Sono quattro le scosse registrate in quindici ore nella zona del Pollino dall'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia. L'ultima, di magnitudo 3.6, è avvenuta alle 15.12 ed è stata preceduta, alle 14, da una scossa di magnitudo 2.3.

Sono stati interessati i comuni di Aieta, Morano Calabro, Orsomarso, Papasidero, San Basile, Verbicaro, in Calabria; e Castelluccio superiore, Episcopia e Latronico, in Basilicata. Le altre due scosse si sono verificate alle 21.17 ed alle 23.49 di martedì, con magnitudo, rispettivamente, di 2.1 e 2.5. Le scosse, secondo quanto riferito dai vigili del fuoco, non hanno provocato danni a persone o cose, ma hanno creato una situazione di allarme fra chi ha avvertito il movimento tellurico.

Nell'area del Fiume Lao è in corso un'esercitazione regionale dei Vigili del fuoco e della Protezione civile.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di piu o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Per accettare i cookie, memorizzare la scelta e nascondere questo banner clicca su Accetto.