Miocomune.it

La tua informazione locale

Infissi Rinaldi! Qualità e convenienza. Showroom a Scalea in via T. Campanella 112 e Corso Mediterraneo

Sab20072019

Ultimo Aggiornamento:04:05:05

Pubblicità:
Indietro Entroterra Entroterra News Cronaca Cosenza, omicidio Ruffolo: arrestati presunti mandante ed esecutore

Cosenza, omicidio Ruffolo: arrestati presunti mandante ed esecutore

  • PDF

COSENZA – 17 mag. - La Polizia di Stato, a conclusione di complesse indagini, svolte dalle Squadre Mobili di Cosenza e Catanzaro e dal Servizio Centrale Operativo e coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro, guidata dal Procuratore della Repubblica Nicola Gratteri, nella tarda serata di ieri ha dato esecuzione ad un’ordinanza che dispone la custodia cautelare in carcere, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Catanzaro, a carico di Roberto Porcaro, di Cosenza, di anni 35, e Massimiliano D’Elia, di Carolei, di anni 33, entrambi con numerosi precedenti di polizia, ritenuti responsabili di omicidio, aggravato dal metodo e dall’agevolazione dell’associazione mafiosa, e porto illegale di armi. 

L’indagine, suffragata dal contributo delle dichiarazioni di alcuni collaboratori di giustizia, ha permesso di ricostruire le dinamiche, maturate in seno al clan mafioso Lanzino-Patitucci, egemone nella città di Cosenza e nel territorio limitrofo, che portarono all’omicidio di Giuseppe Ruffolo, avvenuto il 22 settembre del 2011. La vittima nella circostanza era stata attinta da diversi colpi di arma da fuoco esplosi, mentre percorreva, in auto, la via degli Stadi di Cosenza, da un attentatore che viaggiava a bordo di uno scooter. L’articolata attività investigativa ha documentato, in dettaglio, come l’azione omicidiaria fosse scaturita dall’attività usuraia avviata dal Ruffolo senza il preventivo assenso dei Lanzino-Patitucci, omettendo di far confluire parte dei proventi illeciti nella bacinelladell’organizzazione criminale di appartenenza. In tale contesto, le indagini hanno fatto emergere gravi indizi di colpevolezza a carico di D’Elia quale autore materiale dell’omicidio e di Porcaro quale mandante. Il Porcaro è ritenuto essere uno dei massimi esponenti del clan del clan Lanzino-Patitucci di Cosenza. Dopo le formalità di rito i due sono stati associati alla casa circondariale di Cosenza.

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Belvedere Marittimo

Belvedere_logo
città dell'amore

Diamante

Diamante_logo
città dei Murales

Scalea

scalea_logo
perla del tirreno

Praia a mare

praia_a_mare_logo
città dell'isola

Tortora

tortora_logo
Tra storia e mare
Scalea si prepara a festeggiare la sua Patrona - VIDEO -
 
A Grisolia il workshop sul 'diritto' nel settore agricolo
 
Scalea, solenne incoronazione e intronizzazione della Madonna
 
Scalea in piazza 2019, anteprima: le interviste- VIDEO
 
Scalea, firmata la convenzione fra comune e "Mare pulito”
 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di piu o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Per accettare i cookie, memorizzare la scelta e nascondere questo banner clicca su Accetto.