Orsomarso, caduta massi, chiuse strade e scuole

ORSOMARSO – 18 apr. - Il maltempo di questi giorni continua a creare disagi nel territorio di Orsomarso. Le scuole sono chiuse e un tratto di strada impedito sia al transito pedonale che alla viabilità a causa del distacco di massi pericolanti dal costone roccioso della torre dell'orologio. Il sindaco di Orsomarso, Paola Maria Candia, nel tardo pomeriggio di ieri, dopo un primo sommario sopralluogo effettuato sul costone roccioso a ridosso di via Porta la Terra, alla presenza del responsabile dell'Ufficio tecnico del Comune, dei militari della locale Stazione dei Carabinieri e di una squadra dei Vigili del Fuoco ha emesso l'ordinanza.

«L'allarme – fanno sapere dal Comune - è scattato intorno alle 16,30 quando con un fragoroso rumore sono precipitati dal costone roccioso numerosi massi che hanno sfondato la rete di protezione invadendo la carreggiata di via Porta la Terra quando, fortunatamente, non transitavano automobili o persone. Soltanto lievi danni sono stati provocati ad una macchina parcheggiata. Sul posto si sono immediatamente recati gli agenti della Polizia municipale, i militari della Stazione dei Carabinieri di Orsomarso, il sindaco ed alcuni amministratori del Comune di Orsomarso unitamente al responsabile dell'Ufficio tecnico. Dopo una serie di verifiche, condotte insieme ad una squadra dei Vigili del Fuoco che era prontamente intervenuta, si è notata la presenza di un grosso masso staccatosi dal costone e rimasto in precario equilibrio quasi in cima al costone roccioso e trattenuto soltanto dalla rete di protezione e dal tronco di un olivastro».

E' tale precaria situazione che ha indotto il capo dell'Amministrazione a chiudere al transito, sia veicolare che pedonale, l'intero tratto di strada interessato, attorno a via Porta la Terra dove c'è anche l'accesso all'edificio delle scuole primarie e medie del paese. Le strutture scolastiche resteranno chiuse in attesa che il pericolo venga rimosso. Ci sarà bisogno di esperti rocciatori. Per quanto riguarda le decisioni sul da farsi, per questa mattina è atteso il sopralluogo di tecnici della protezione civile al fine di valutare e assumere le conseguenti iniziative risolutive.

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di piu o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Per accettare i cookie, memorizzare la scelta e nascondere questo banner clicca su Accetto.