Miocomune.it

La tua informazione locale

Mar19112019

Ultimo Aggiornamento:10:54:15

Indietro Ionio Ionio News Cronaca Corigliano, operazione Gentleman: dissequestrata la nave "Grecale”

Corigliano, operazione Gentleman: dissequestrata la nave "Grecale”

  • PDF

CORIGLIANO – 1 ott. - Era una delle barche utilizzate per trasportare droga, armi ed anche per il trasbordo di migranti. La nave “Grecale” è un “pezzo” importante dell'indagine conclusasi con l'operazione denominata “Gentleman”. Il Giudice per le udienze preliminari di Catanzaro, Assunta Maiore, ha accolto l'istanza degli avvocati dello studio Sabrina Mannarino, dopo aver acquisito una relazione dettagliata della Guardia di finanza. L'imbarcazione è stata quindi restituita al terzo interessato, legittimo proprietario. La nave Grecale è stata utilizzata anche in una processione sul mare per trasportare la statua della Madonna. Sia il “Grecale” che il “Maestrale”, nell'appuntamento del 5 agosto avevano sfilato sullo Jonio per la tradizionale processione che accompagna la statua della Santissima Maria ad Nives, la Madonna della Neve. Tutta la comunità marinara di Schiavonea di Corigliano Calabro partecipa con devozione alla processione della statua.

La maxi-inchiesta antimafia “Gentleman”, come si ricorderà, è andata avanti per due anni. In gran parte l'obiettivo è stato puntato sul sistema con cui il locale degli “zingari” di Cassano Jonio si riforniva di cocaina ed eroina. L’eroina, secondo le ipotesi formulate, proveniva con molta probabilità dall'Afghanistan e anche dalla Turchia, passando per l'Albania.

Erano appunto due i motopescherecci della flotta di Schiavonea di Corigliano utilizzati: il “Grecale” ed il “Maestrale”; il primo del valore di oltre 700mila euro. La nave Grecale è di proprietà di un professionista che ha anche riferimenti sul Tirreno cosentino. Le indagini, grazie a dispositivi satellitari, avevano individuato i due pescherecci. L’unità aeronavale delle Fiamme gialle di Vibo Valentia ha effettuato una serie di riscontri che confermano il trasbordo di carichi di marijuana che giungevano dall’Albania fino al porto di Corigliano. Filmate dagli investigatori le operazioni di trasbordo del carico in alto mare tra gli albanesi e i pescherecci degli zingari, fra i quali anche la nave Grecale. Via mare, secondo gli investigatori della Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro, venivano trasportate anche le armi che poi venivano utilizzate dal clan degli Zingari.

In una occasione sono stati sequestrati dieci Kalashnikov, due mitragliette Skorpion e nove pistole Parabellum.

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

© riproduzione riservata

Miocomune Atom News Miocomune RSS News

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di piu o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Per accettare i cookie, memorizzare la scelta e nascondere questo banner clicca su Accetto.