Miocomune.it

La tua informazione locale

Dom20102019

Ultimo Aggiornamento:10:54:15

Indietro Ionio Ionio News Cronaca Corigliano, 'Old mill' rimesso in libertà il marocchino Nassir

Corigliano, 'Old mill' rimesso in libertà il marocchino Nassir

  • PDF

CORIGLIANO – 31 ott. - E' stato rimesso in libertà Mohamed Nassir, 32 anni, originario del Marocco e residente a Corigliano. Il giovane era rimasto coinvolto nell'operazione denominata “Old Mill”. Il Tribunale del riesame di Catanzaro ha accolto la richiesta dell'avvocato di fiducia Pasquale Di Iacovo. Come si ricorderà, lo scorso 7 ottobre, sono state eseguite nove Ordinanze di custodia cautelare. Mohamed Nassir, al termine dell'attività dei Carabinieri del nucleo operativo della Compagnia di Corigliano Calabro era stato raggiunto da un provvedimento restrittivo agli arresti domiciliari.

L’indagine, Old Mill, trae origine dalle denunce presentate nel mese di settembre del 2014 da due cittadini di Trebisacce, per i reati di lesione personale e tentata estorsione nei confronti dell’indagato Luigi Praino, ed ha permesso di individuare l’esistenza di una fitta rete di spaccio di cocaina a Trebisacce e nella Sibaritide. Gli investigatori, coordinati dalla procura di castrovillari, hanno monitorato gli incontri tra i vari indagati, avvenuti principalmente in un agriturismo, attività commerciale del principale indagato e dalla cui traduzione in inglese l’indagine “Old mill” prende il nome. Gli indagati erano quasi riusciti a monopolizzare l’attività spaccio nell’area ionica tra Trebisacce e Corigliano, anche attraverso i territori di Villapiana e Cassano all’Ionio.

Agli atti di indaine viene sottolineato il frequente ricorso ad un linguaggio criptico in cui gli stupefacenti venivano indicati con altri nomi come: “alberi”, “camicette”, “moto”, “neve” ecc., sovente in riferimento all’occultamento, taglio, confezionamento, trasporto e cessione della sostanza. Le telecamere installate in prossimità dell’agriturismo, hanno permesso di registrarne i movimenti interni, dove gli “acquirenti” facevano ingresso generalmente tramite un’entrata secondaria. Nell’agriturismo lo stupefacente veniva occultato in diversi luoghi, persino sotto tegole e tettoie, autovetture o cespugli.

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

© riproduzione riservata

Miocomune Atom News Miocomune RSS News

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di piu o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Per accettare i cookie, memorizzare la scelta e nascondere questo banner clicca su Accetto.