Miocomune.it

La tua informazione locale

Infissi Rinaldi! Qualità e convenienza. Showroom a Scalea in via T. Campanella 112 e Corso Mediterraneo

Lun27032017

Ultimo Aggiornamento:02:48:22

Indietro Ionio Ionio News Cronaca Scala Coeli, Legambiente contro l'ampliamento della discarica

Scala Coeli, Legambiente contro l'ampliamento della discarica

  • PDF

SCALA COELI – 20 mar. - L'ampliamento della discarica di Scala Coeli genera l'intervento di Legambiente Calabria che ritorna a parlare di discariche e del piano rifiuti ribadendo con forza la propria posizione. “È impensabile che si chieda l'autorizzazione per l'ampliamento - si legge in una nota dell'associazione ambientalista - visto il contenuto del piano di rifiuti, recentemente approvato, il quale prevede discariche zero entro il 2020. Né dal punto di vista ambientale né dal punto di vista economico la discarica può rappresentare la soluzione al problema rifiuti.

La discarica di Scala Coeli, non solo non è voluta dai sindaci del comprensorio e dai cittadini, ma risulta essere anche in contrasto con il modo virtuoso di gestire i rifiuti, pensare ad un ampliamento, quindi, è davvero fuori luogo”. Legambiente fa anche il punto sul sito: la discarica di Scala Coeli è stata autorizzata dalla Regione Calabria nel 2010 ed è entrata in esercizio nel maggio 2015, ha una superficie di 60.000 metri quadrati e si possono conferire fino a 250 tonnellate al giorno di rifiuti. Si tratta di una discarica di rifiuti speciali, e pertanto, vengono conferiti scarti di lavorazioni industriali, artigianali, da attività commerciali e di servizi e dalle attività di demolizione, costruzione, e anche i rifiuti che derivano dagli impianti di trattamento dei rifiuti urbani indifferenziati noti come impianti di trattamento meccanico biologico (Tmb).

“Quindi – commenta Legambiente - se un Comune conferisce rifiuti (urbani) ad un impianto di trattamento, alla fine del processo, i rifiuti che ne escono a valle delle lavorazioni sono classificati come speciali. Questo è il dato che ci preoccupa e allarma, perché vorremmo che si facesse luce sulla produzione di rifiuti speciali in Calabria di origine industriali, artigianali, da attività commerciali e di servizi e dalle attività di demolizione, costruzione e scavi attesa la nostra realtà industriale. Vorremo che i calabresi fossero informati su che tipo di rifiuti speciali vengono smaltiti nelle discariche autorizzate e la loro provenienza. Non vorremmo che si compromettesse il futuro di un altro territorio come quello del basso Jonio cosentino e che la politica si prendesse le sue responsabilità nel fare scelte giuste dicendo dei No di merito rispetto allo sviluppo di un territorio”. Come è noto, il consiglio comunale del centro jonico si è espresso favorevolmente all'ampliamento del sito, ma dai comuni vicini, invece, si è alzata forte la protesta contro un modo “vecchio” di trattare i rifiuti. Per legambiente: “Occorre incrementare la raccolta differenziata della frazione organica e costruire soprattutto piccoli impianti di compostaggio aerobici per la produzione di compost certificato ed anche, laddove necessita, di impianti anaerobici con produzione di biometano.

La componente umida nell’indifferenziato è anche causa della generazione del percolato, molto inquinante e spesso non raccolto e trattato secondo quanto previsto dalle norme. La Regione Calabria ha in corso un bando per il miglioramento del servizio di raccolta differenziata, rivolto al 68% della popolazione calabrese, stanziando 34.331.047 euro: ne auspichiamo l’efficacia dei risultati conseguente alla spesa. Programmare l’ampliamento di una discarica in questa fase – afferma Legambiente - non è coerente, in questo caso una discarica nel bel mezzo di una zona protetta poiché coperta dal marchio Dop “Bruzio” menzione geografica “Colline Joniche Presilane”, tra vigneti, terreni coltivati con il metodo biologico e dove resistono ancora gli ultimi allevamenti estensivi di bovini di razza podalica è davvero una scelta insensata ed insana. Il tutto apochi passi da torrenti affluenti del fiume Nicà che si trova poco distante”.

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

© riproduzione riservata

Belvedere Marittimo

Belvedere_logo
città dell'amore

Diamante

Diamante_logo
città dei Murales

Scalea

scalea_logo
perla del tirreno

Praia a mare

praia_a_mare_logo
città dell'isola

Tortora

tortora_logo
Tra storia e mare
Scalea, Danilo Rispo racconta il Giro d'Italia in barca a Vela - VIDEO
 
Morano, comune ricilone: Forum sulla raccolta differenziata
 
Scalea, visita della soprintendenza agli affreschi bizantini
 
Orsomarso, disabilità: la caduta delle barriere, ancheiovoglioviaggiare
 
Scalea, marketing: seminario su competitivita e customer loyalty
 

 
istituto professionale gabriele - Tortora - 0985 765256

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di piu o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Per accettare i cookie, memorizzare la scelta e nascondere questo banner clicca su Accetto.