Petilia Policastro, droga: arresti per spaccio anche a Cotronei

  • Prec.
  • 1 of 3
  • Succ.

PETILIA POLICASTRO – 14 feb. - I Carabinieri della Compagnia di Petilia Policastro, coadiuvati dal Nucleo Cinofili di Vibo Valentia, nei comuni di Cotronei (KR) località “Trepidò” e Petilia Policastro (KR), hanno eseguito un mirato servizio straordinario di controllo territorio, finalizzato alla repressione di reati predatori, detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. L’attività ha consentito di arrestare, a Cotronei, località Trepidò, G.F. 28enne, il quale, in seguito a perquisizione domiciliare, è stato trovato in possesso di gr.120 di marijuana, contenuta in diverse bustine, gr. 3,5 di cocaina e gr. 0,8 di hashish, oltre a due bilancini elettronici di precisione e relativo materiale di confezionamento, munizioni calibro 30-06 per carabina ed una cartuccia calibro 12 a palla, illegalmente detenute. Preliminarmente alla perquisizione, l’arrestato, vistosi scoperto, con una mossa repentina si è impossessato di una delle buste contenenti marijuana e, guadagnando la fuga, ha tentato di disperdere parte del contenuto nel terreno boschivo circostante, ma è stato raggiunto e bloccato dai militari. Nel medesimo contesto operativo è stato accertato che aveva anche realizzato presso la sua abitazione un allaccio abusivo alla rete elettrica Enel.

Sempre in località Trepidò, i militari hanno arrestato C.A., 56enne, il quale, in seguito a perquisizione personale e domiciliare, è stato trovato in possesso di gr. 22 di hashish, gr. 4 di marijuana, un bilancino elettronico di precisione e relativo materiale di confezionamento, n.46 semi, verosimilmente, di canapa per la coltivazione di marijuana e la somma di € 76,20, presumibilmente, provento dell’attività di spaccio.

In Petilia Policastro, i militari hanno denunciato un operaio 34enne, il quale, in seguito a perquisizione, è stato trovato in possesso di gr. 21 di marijuana in involucro occultato nelle adiacenze della propria abitazione e comunque nella disponibilità dello stesso. Nel medesimo contesto operativo è stato accertato che aveva realizzato presso la propria abitazione un allaccio abusivo alla rete elettrica Enel.

IL VIDEO

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di piu o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Per accettare i cookie, memorizzare la scelta e nascondere questo banner clicca su Accetto.