Miocomune.it

La tua informazione locale

Sab18012020

Ultimo Aggiornamento:10:54:15

Indietro Ionio Ionio News Cronaca San Giorgio Albanese, maltrattamenti a scuola: annullata una misura

San Giorgio Albanese, maltrattamenti a scuola: annullata una misura

  • PDF

SAN GIORGIO ALBANESE – 13 lug. - La Corte di Cassazione, ha annullato la misura cautelare applicata lo scorso 14 dicembre 2017 ad una delle due maestre indagate per il reato di maltrattamenti aggravati per il ricorrente utilizzo di violenze nei confronti degli alunni dell’unica scuola dell’infanzia di San Giorgio Albanese. La corte ha così accolto il ricorso presentato dall’avvocato Pasquale Di Iacovo. La vicenda trae origine da un'operazione dei carabinieri del 14 dicembre dello scorso anno.

Era stata ipotizzata, a carico di due insegnanti, la sussistenza di gravi indizi di colpevolezza del reato di maltrattamenti e violenze in danno degli alunni di età compresa fra i tre ed i sei anni. I genitori di un alunno avevano fatto scattare le indagini. Servizi di osservazione e di video riprese all’interno degli spazi didattici, avrebbero documentato, secondo l'accusa, una consistente serie di maltrattamenti e violenze, posti in essere dalle due insegnanti, nei confronti dei bambini.

La Procura della Repubblica aveva richiesto l'applicazione di una misura cautelare nei confronti delle due insegnanti, poi disposta dal Gip del Tribunale di Castrovillari per l’ipotizzato reato di maltrattamenti aggravato, per il quale è prevista dalla legge la pena della reclusione da due ad otto anni di carcere. L’Istituto scolastico aveva avviato nei confronti delle due insegnanti anche un procedimento disciplinare, finalizzato alla rimozione dal posto di lavoro. Contro la misura cautelare applicata dal Gip del Tribunale di Castrovillari, l’avvocato Pasquale Di Iacovo ha quindi presentato ricorso al Tribunale del riesame di Catanzaro nell’interesse dell’insegnante Annunziata Chinigò. Il Tribunale del riesame, all’esito dell’udienza del 6 febbraio ha confermato la misura cautelare. Contro tale provvedimento l’avvocato Di Iacovo ha presentato un ulteriore ricorso alla Corte Suprema di Cassazione. I Giudici romani, all’esito dell’udienza tenutasi mercoledì scorso, hanno accolto il ricorso presentato dal penalista coriglianese, annullando la misura cautelare per insussistenza di gravi indizi di colpevolezza di Annunziata Chinigò.

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Miocomune Atom News Miocomune RSS News

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di piu o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Per accettare i cookie, memorizzare la scelta e nascondere questo banner clicca su Accetto.