Miocomune.it

La tua informazione locale

Infissi Rinaldi! Qualità e convenienza. Showroom a Scalea in via T. Campanella 112 e Corso Mediterraneo

Lun19112018

Ultimo Aggiornamento:04:37:46

Pubblicità:
Indietro Ionio Ionio News Cronaca Corigliano Rossano, assolta dal reato di favoreggiamento della prostituzione

Corigliano Rossano, assolta dal reato di favoreggiamento della prostituzione

  • PDF

CORIGLIANO ROSSANO – 3 nov. - Il Tribunale di Castrovillari, in composizione Collegiale, in totale accoglimento delle richieste avanzate dal penalista avvocato Francesco Nicoletti, ha assolto con la formula più ampia “perché il fatto non sussiste” la 35enne M.P., domiciliata nell'area urbana di Rossano, accusata dei gravissimi reati di sfruttamento della prostituzione e di maltrattamenti in famiglia.

La Procura della Repubblica presso il Tribunale di Castrovillari contestava alla donna di aver costretto la nipote, all’epoca appena ventenne, a prostituirsi, anche durante lo stato di gravidanza, dietro espressa minaccia di morte. Non solo. La 35enne era accusata, con più azioni esecutive, di aver favorito e agevolato l’esercizio dell’attività di meretricio della ragazza accompagnandola sul luogo in cui svolgeva l’attività di prostituzione per poi riaccompagnarla a casa, stabilendo le tariffe delle prestazioni sessuali, controllando i relativi proventi economici, sfruttando i guadagni e garantendo protezione, organizzando appuntamenti con un numero selezionato di clienti facoltosi e costringendo la ragazza ad incontrarli in una abitazione privata. Alla donna si contestava, inoltre, l’aggravante di aver commesso tali fatti con violenza e minaccia consistite nel picchiare la ragazza prendendola a calci nella pancia e nel minacciarla e ferirla con l’uso di un coltello.

La 35enne M.P. rispondeva anche del reato di maltrattamenti per aver abitualmente cagionato alla parte offesa, convivente, sofferenze morali e fisiche, allontanandola da contatti con persone diverse dai clienti dell’attività di meretricio e determinando, in tal modo, uno stato di isolamento della ragazza che, in una occasione, veniva finanche allontanata da casa senza alcun effetto personale e senza denaro. Secondo la prospettazione accusatoria, la vittima veniva sottoposta a quotidiani maltrattamenti, soprusi, minacce e lesioni poste in essere anche con un coltello e con percosse, al fine di costringerla a consegnare all’imputata i proventi dell’attività di meretricio. Se questi fossero stati inferiori alla cifra di € 300,00, la ragazza sarebbe stata percossa nonostante le sue condizioni di debolezza psicofisica e lo stato di gravidanza.

IL PROCESSO In seguito alla denuncia presentata dalla parte offesa, il Gip del Tribunale di Castrovillari aveva emesso una ordinanza di custodia cautelare che disponeva nei confronti di M.P. gli arresti domiciliari. Il procedimento è poi sfociato nel processo penale, nel corso del quale, in sede di discussioni finali, il Pubblico Ministero ha formulato una richiesta di condanna a 5 anni di reclusione. Il Tribunale di Castrovillari in composizione Collegiale, all’esito della camera di consiglio, in totale accoglimento delle richieste avanzate dall’Avv. Francesco Nicoletti, ha assolto l’imputata dai reati contestati con la formula più ampia “perché il fatto non sussiste”.

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Belvedere Marittimo

Belvedere_logo
città dell'amore

Diamante

Diamante_logo
città dei Murales

Scalea

scalea_logo
perla del tirreno

Praia a mare

praia_a_mare_logo
città dell'isola

Tortora

tortora_logo
Tra storia e mare
Cosenza, 'Scacco al cavallo' furti d'auto e ricettazione: 18 misure cautelari
 
Catanzaro, sanità, politica e 'ndrangheta: le intercettazioni di 'Quinta bolgia'
 
Vibo Valentia, scoperto un falso cieco: denunciati anche due medici
 
San Luca, traffico di droga arrestato il latitante Callipari
 
Fuscaldo, operazione 'Merlino': 14 arresti. In manette il sindaco
 

 
istituto professionale gabriele - Tortora - 0985 765256

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di piu o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Per accettare i cookie, memorizzare la scelta e nascondere questo banner clicca su Accetto.