Cassano, eroina nell'agrumeto: domiciliari per l'indagato

CASSANO – 4 feb. - In accoglimento delle richieste degli avvocati Ettore Zagarese e Mario Bellusci, il Tribunale di Castrovillari ha disposto la scarcerazione del 26enne cassanese M.P., tratto in arresto giovedì scorso dai carabinieri con l’accusa di detenzione illecita di sostanza stupefacente del tipo eroina.

Il giovane, incensurato, è comparso dinanzi al Giudice dott.ssa Marrazzo alla presenza dei propri difensori e del Pubblico Ministero che ha avanzato richiesta di custodia cautelare in carcere. Richiesta a cui si è opposta la difesa, chiedendo la scarcerazione. Il Giudice, accogliendo le tesi difensive, ha disposto nei confronti del 26enne l’applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari. Il processo proseguirà dinanzi al Tribunale di Castrovillari il prossimo 18 febbraio.

I FATTI Secondo la prospettazione accusatoria, nel pomeriggio di giovedì scorso 31 gennaio, il giovane si sarebbe addentrato all’interno di un agrumeto in località Garda per prelevare una confezione sigillata che avrebbe poi nascosto sotto i propri indumenti. Alla vista dei Carabinieri si sarebbe dato alla fuga nelle campagne circostanti lanciando il “pacchetto” tra la vegetazione. Raggiunto dai militari, che nel frattempo avevano recuperato la confezione sigillata contenente 20 grammi di eroina purissima e un bilancino di precisione, il giovane veniva accompagnato in Caserma. Scattate le manette, ne veniva disposta la reclusione presso la Casa Circondariale di Castrovillari.

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di piu o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Per accettare i cookie, memorizzare la scelta e nascondere questo banner clicca su Accetto.