Miocomune.it

La tua informazione locale

Infissi Rinaldi! Qualità e convenienza. Showroom a Scalea in via T. Campanella 112 e Corso Mediterraneo

Mer22052019

Ultimo Aggiornamento:02:48:30

Pubblicità:
Indietro Ionio Ionio News Cronaca Cariati, omicidio Zinchenko: chiesto l'ergastolo per Dimitriks

Cariati, omicidio Zinchenko: chiesto l'ergastolo per Dimitriks

  • PDF

CARIATI - 17 mar. - Ergastolo per il presunto assassino di Yuriy Zinchenko, 46 anni, ucciso nel settembre del 2017. Ieri, in corte d'Assise, si è svolta la requisitoria del pubblico ministero Iannotta della Procura di Castrovillari. Gli imputati sono: Mihails Dimitriks, di 41 anni, Lana Koshova e Liudmyla Popova entrambi 31enni. Gli imputati sono accusati, a vario titolo, di omicidio premeditato, favoreggiamento e occultamento di cadavere.

Il fatto di cronaca è accaduto in contrada Vascellero a Cariati il 3 settembre del 2017. Mihails Dimitriks, è difeso dall'avvocato Francesco Nicoletti. Fanno parte del collegio difensivo gli avvocati Vittorio Schettino, Michele Sarno e Francesco Amodeo. Nel settembre di due anni fa venne ritrovato il cadavere d'un uomo, avvolto in una coperta, nel bagagliaio di un'auto Opel con targa polacca. La vittima, Yuriy Zinchenko, di 46 anni, anch'essa straniera, era stata colpita al torace. Vennero trovate ferite da arma da fuoco ed anche alcune perforazioni riconducibili ad arma da taglio. Ieri mattina, davanti alla Corte, presieduta dal giudice Lucente, a latere De Vuono, il pubblico ministero Iannotta, alla presenza dell'imputato Dimitriks, ha chiesto la condanna all'ergastolo e due mesi di isolamento diurno. Per le due donne presunte complici le pene richieste sono: per Lana Koshova, 23 anni di reclusione; per Liudmyla Popova, 16 anni di carcere.

Restano le ultime discussioni e alla prossima udienza è prevista la sentenza. Sarà l'avvocato Francesco Nicoletti a discutere e a trarre le conclusioni. Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, la vittima aspirava ad un ruolo di primo piano nell’associazione di trafficanti di persone da impiegare illecitamente in Calabria. Un atteggiamento che avrebbe provocato la reazione degli altri componenti del gruppo e persino della sua compagna. Yuri Zinkenko, di origine ucraina, sarebbe stato fatto fuori per questi motivi. Ucciso prima con un coltello e poi finito da una scarica di colpi, che hanno reso irriconoscibile il suo corpo, rinchiuso poi nel bagagliaio dell'auto Opel. Vennero subito fermati: Dimitriks Mihails, lituano, Iana Koshova e Liudmyla Popova, ucraine. La vittima sarebbe stata colpita con il coltello in casa e poi il cadavere sarebbe stato caricato sull'Opel verde con targa straniera. L'auto, con il carico scottante, era stata abbandonata in località Vascellero. Liudmyla Popova, compagna della vittima, si sarebbe occupata di ripulire la scena del crimine nel piccolo appartamento nella frazione di Torretta di Crucoli, in cui gli inquirenti sono giunti dopo aver tenuto sotto stretta sorveglianza i conoscenti della vittima. La vittima, insieme agli imputati, avrebbe gestito un giro di donne e uomini provenienti dall’est Europa, piazzati poi nei campi, in negozi o addirittura come badanti, con un ritorno economico di parecchi soldi.

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Belvedere Marittimo

Belvedere_logo
città dell'amore

Diamante

Diamante_logo
città dei Murales

Scalea

scalea_logo
perla del tirreno

Praia a mare

praia_a_mare_logo
città dell'isola

Tortora

tortora_logo
Tra storia e mare
Scalea, fra poco più di un mese arriva la nave Amerigo Vespucci
 
Scalea, conclusa la XIII edizione del festival degli scacchi
 
Maierà, Affari in famiglia: gli arresti, i particolari - VIDEO
 
Maierà, Affari in famiglia: conferenza stampa - VIDEO
 
Una famiglia di cinghiali avvistata a Scalea - VIDEO
 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di piu o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Per accettare i cookie, memorizzare la scelta e nascondere questo banner clicca su Accetto.