Corigliano Rossano, violenza fisica e morale: arrestato un 29enne

CORIGLIANO ROSSANO – 21 mag. - I carabinieri della compagnia di Corigliano Calabro hanno eseguito nella giornata di domenica nei confronti di un coriglianese di 29 anni la misura cautelare dell’obbligo di allontanamento dalla casa familiare e di contestuale divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla parte offesa emessa dal Gip presso il Tribunale di Castrovillari, su richiesta della locale Procura, coordinata da Eugenio Facciolla.

Tutto ha avuto inizio con le denunce della donna Il racconto di una grave e perdurante situazione di persecuzione da parte del suo compagno già a partire dal 2017. Una serie di atti volti a creare un clima di sopraffazione e di ostilità nei confronti della vittima. 

Le indagini dei carabinieri della stazione di Corigliano Calabro scalo hanno acclarato come vi fosse stata, nel giro di pochi mesi, una vera e propria escalation di atti vessatori e violenza fisica nei confronti della donna. Dapprima l’uomo si era “limitato” a minacciarla ripetutamente, quindi, in diverse occasioni, l’aveva aggredita fisicamente, anche con i più svariati oggetti che si trovava di volta in volta a portata di mano, costringendo la donna, in un caso, anche a seguirlo nei pressi del luogo dove venne uccisa la giovane Fabiana Luzzi nel 2013 per minacciarla di morte con un bastone.

Infine la donna avrebbe subito un rapporto sessuale non consenziente, a cui l’uomo l’avrebbe costretta aggredendola fisicamente e successivamente minacciandola per ottenere il suo silenzio. Ma la cosa ancor più grave è che la maggior parte degli atti di violenza messi in atto dall’uomo nei confronti della compagna sarebbero avvenuti davanti agli occhi delle tre figliolette, tutte minorenni. 

Sulla base dei fatti descritti, delle prove documentali e fotografiche acquisite, nonché del grave impianto accusatorio, che fa ritenere sussistenti le esigenze cautelari nei confronti dell’uomo, avendo ingenerato nella vittima un complessivo stato di sofferenza fisica e morale, ma anche il timore per la propria incolumità, l’autorità giudiziaria ha contestato all’uomo i reati di maltrattamenti in famiglia aggravati e violenza sessuale. Ha applicato la misura cautelare dell’obbligo di allontanamento dalla casa familiare e di contestuale divieto di avvicinamento ai luoghi abitualmente frequentati dalla denunciante, con l’obbligo di mantenere una distanza dalla stessa non inferiore ai 500 metri.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di piu o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Per accettare i cookie, memorizzare la scelta e nascondere questo banner clicca su Accetto.