Miocomune.it

La tua informazione locale

Gio17102019

Ultimo Aggiornamento:10:54:15

Indietro Ionio Ionio News Cronaca Corigliano, operazione Fusion contro lo spaccio

Corigliano, operazione Fusion contro lo spaccio

  • PDF

CORIGLIANO CALABRO – 31 lug. - Nelle prime ore di oggi 250 uomini e 70 mezzi del Comando provinciale dei Carabinieri di Cosenza, hanno proceduto all’arresto di numerose persone destinatarie di ordine di custodia cautelare per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e detenzione di armi. I provvedimenti, emessi dal gip del Tribunale di Rossano, colpiscono una fitta rete che gestiva lo spaccio. Si tratta di grandi quantitativi di sostanze stupefacenti, pronti per essere smerciati nell’intero alto Ionio cosentino. La droga veniva acquistata a Terzigno o in altri Comuni dell’hinterland napoletano, per poi essere smistata in zona tramite corrieri/pusher coriglianesi nell’intera area della Sibaritide.

Il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Rossano, sulla scorta di indagini condotte dalla Compagnia di Corigliano Calabro Scalo nel corso dell’operazione “Fusion”, ha emesso 34 provvedimenti di custodia cautelare in carcere eseguiti nella notte. Le indagini, avviate nel settembre 2010 a seguito della morte del giovane Eros Milizia, 25enne di Corigliano, deceduto a seguito della ingestione di una massiccia dose di cocaina ingoiata al fine di eludere un controllo, hanno consentito nel tempo di trarre in arresto 11 persone in flagranza di reato, sequestrare 800 grammi di stupefacente, rinvenire una pistola rubata e permesso di chiarire le responsabilità di una fitta rete di spacciatori operante nell’Alto Ionio cosentino e svelare i canali di approvvigionamento della droga proveniente per lo più dalle aree del Napoletano. Nel corso degli accertamenti, inoltre, sono state accertate le posizioni di ulteriori 46 soggetti, denunciati in stato di libertà, tra cui molti pluripregiudicati organici a cosche di ‘ndrangheta operanti a Cosenza capoluogo e provincia. L’operazione ha interessato le giurisdizioni delle Compagnie di Corigliano Calabro Scalo, Rossano, Rende e Torre Annunziata, luogo di origine di Andrea Ranieri ritenuto il canale napoletano preferenziale per l’acquisto della cocaina.

I DESTINATARI DEI PROVVEDIMENTI:

In carcere:
Alfano Andrea detto spillo del 1982 Corigliano
Di Domenico Vincenzo detto jolly del 1979 Corigliano
Filadoro Pierluigi detto topo o lepre del 1988 Corigliano
Fiorito Antonio detto polpettina del 1987 Corigliano
Gencarelli Vincenzo del 1990 Corigliano
Guidi Francesco detto mussuto del 1982 Corigliano
Guidi Romeo del 1980 Cassano
Innacco Davide detto mengacci del 1988 Corigliano
Le Pera Eugenio del 1989 Corigliano
Malagrinò Cosimo detto suino del 1989 Corigliano
Manzi Pierpaolo del 1988 Rossano
Morelli Alfredo del 1955 Crosia
Ranieri Andrea Tersigno detto zio del 1962 Bosco Reale (Na)
Sanfilippo Antonino del 1987 Corigliano
Schiavelli Loris detto Passatacca del 1991 Corigliano
Sulaimani Davide del 1991 Corigliano
Veronese Pasqualino detto puliciar del 1991 Corigliano

Ai domiciliari:
Apollaro Domenico del 1981  Sibari
Bonifiglio Franco detto vattamuru del 1987 Corigliano
Capalbo Francesco del 1992 Corigliano
Conte Giovanni detto u quarararu del 1984 Rossano
D'Agostino Francesco del 1992 Corigliano
De Cicco Aldo Antonio del 1957 Corigliano
Fiorito Enzo del 1988 Corigliano
Forciniti Emanuele detto colombo del1990 Corigliano
Fortunato Francesco detto baffo del 1990 Corigliano
Gammuto Domenico detto domenico modugno del 1991 Corigliano
Gioia Simone del 1987 Corigliano
La Banca Antonio detto luca  del 1983 Cassano
Luzzi Pasquale del 1987 Corigliano
Meligeni Marco del 1988 Corigliano
Pagnotta Gianpino del 1983 Corigliano
Pometti Franco del 1961 Corigliano
Ritacco Domenico Luciano del 1979 Corigliano
Rizzo Natasha del 1988 Rossano
Sabino Francesco detto ciccilluzzo del 1991 Corigliano
Tullo Giuditta del 1968 Rende
Zaccaro Andrea detto gambero del 1982 Cerchiara di Calabria

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Miocomune Atom News Miocomune RSS News

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di piu o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Per accettare i cookie, memorizzare la scelta e nascondere questo banner clicca su Accetto.