Miocomune.it

La tua informazione locale

Mer16102019

Ultimo Aggiornamento:10:54:15

Indietro Ionio Ionio News Politica Corigliano, no di Forza Italia agli hotspot per migranti

Corigliano, no di Forza Italia agli hotspot per migranti

  • PDF

CORIGLIANO – 14 lug. - L'istituzione di un hotspot per migranti nel porto di Corigliano sembra non piacere a nessuno. Ad intervenire, è Maria Golluscio, responsabile cittadina del dipartimento Diritti umani e libertà civili di Forza Italia. Una lettera al sindaco Geraci per sottolineare l'idea negativa che si ha degli hotspot: «E’ risaputo come strutture del genere non possano funzionare da deterrente al flusso migratorio che il nostro comune sta subendo da quasi tre anni, sono strutture che spesso si rivelano indecorose, anche per i migranti stessi in attesa di essere registrati, e poiché è previsto un solo punto Cei per la nostra Regione, sarà impossibile far funzionare l’hotspot come un passaggio breve e veloce nell’esplicare le funzioni per cui è stato ideato».

E' questa l'idea del dipartimento Diritti umani di Forza Italia. Per Maria Golluscio: «Il Governo centrale deve necessariamente adottare un’altra linea di accoglienza, sicura per chi accoglie, e dignitosa per chi entra nel nostro Paese; piuttosto che subire le scelte imposte dall’Unione europea e rispettare la scellerata operazione Triton nel Mediterraneo, in cui si prevede che tutti gli sbarchi e i migranti soccorsi in mare vengano trasferiti soltanto verso i porti italiani; il nostro Governo dovrebbe mantenere una linea di richiesta di supporto a tutti gli Stati membri ed imporre l’accoglienza anche a loro». Al sindaco Geraci, Maria Golluscio ricorda poi: «Il nostro comune non ha mai lesinato accoglienza, anzi, ha piegato la testa ed ha aiutato chi giunge nel nostro porto sacrificando anche l’uso di strutture nate per altri scopi, ma non può continuare a subìre oltremodo queste scelte a dir poco compromettenti per la nostra sicurezza e per il nostro decoro».

Dopo aver appreso l’intenzione del Governo centrale di predisporre l’apertura di un hotspot per i migranti nel nostro porto, in qualità di Responsabile Cittadina del Dipartimento Diritti Umani e Libertà Civili di Forza Italia, mi trovo costretta a chiederLe di opporsi con tutte le sue forze, come primo cittadino, affinchè questo disegno venga scongiurato». E' logico il ragionamento della rappresentante di Forza Italia: «Se il Ministro Minniti ha previsto un solo punto Cie (Centri per l’identificazione ed espulsione che presto lasceranno il posto ai nuovi Cpr, Centri di Permanenza per il Rimpatrio, strutture in cui gli stranieri vengono trattenuti fino al rimpatrio) per tutto il territorio regionale, si fa presto a pensare che dall’accoglienza nell’hotspot al trasferimento nei punti Cie degli immigrati da rimpatriare, passi troppo tempo, anche perché il Cie avrà una capienza massima di solo 100 migranti. Considerato il flusso migratorio nella sua tragica interezza, che è arrivato a contare nel solo anno 2016 l’arrivo di 181.436 stranieri approdati sulle nostre coste, non sarà possibile rispettare tempi brevi nell’operazione di registrazione o di rimpatrio».

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

© riproduzione riservata

Miocomune Atom News Miocomune RSS News

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di piu o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Per accettare i cookie, memorizzare la scelta e nascondere questo banner clicca su Accetto.