Miocomune.it

La tua informazione locale

Infissi Rinaldi! Qualità e convenienza. Showroom a Scalea in via T. Campanella 112 e Corso Mediterraneo

Dom27052018

Ultimo Aggiornamento:12:16:33

Pubblicità:
Indietro Ionio Ionio News Politica Corigliano, spoliazione dell'ospedale: le preoccupazioni della politica

Corigliano, spoliazione dell'ospedale: le preoccupazioni della politica

  • PDF

CORIGLIANO – 11 gen. - L'idea di una avviata spoliazione dell'ospedale “Compagna” e della relativa offerta sanitaria si fa sempre più pressante. Mario Gallina e Antonio Gorgoglione della direzione regionale e provinciale di Rifondazione comunista intervengono in merito alla voce che circola insistentemente sulla chiusura, nelle ore notturne, del laboratorio di analisi dell'ospedale di Corigliano. «Sembra una fake news, inglesismo molto usato ultimamente, una bufala, per dirla con parole nostre, ma non lo è – scrivono Gallina e Gorgoglione - perché in questa sgangherata Calabria tutto è possibile, anche il dover ascoltare increduli notizie come questa e perché, in questo lembo di terra, al peggio non vi è mai fine.

I ben informati dicono che il laboratorio di analisi dell’Ospedale ausonico chiude per mancanza di personale, a dir poco paradossale, in un momento di crisi dell’occupazione come quello attuale e che la prestazione sarà garantita da un servizio navetta di ambulanze che di notte faranno avanti e indietro da Rossano. Non sappiamo a quale mente sopraffina sia balenata questa idea balorda, ma da profani non riusciamo proprio a capire come si fa ad avere in tempo reale un’analisi degli enzimi cardiaci in caso di infarto». Insomma la notizia genera preoccupazione fra le popolazioni della sibaritide. Per i due rappresentanti di Rifondazione comunista a pagare le conseguenze sono i cittadini più deboli.

«Continua – scrivono - lo stillicidio nei confronti della sanità Coriglianese, la goccia assassina utilizzata da irresponsabili burocrati e politici che giorno dopo giorno si abbatte sulla parte più debole della società, i cittadini bisognosi di cure, che con la scusa di dover fare quadrare i bilanci in realtà raggiunge solo l'obiettivo di deprivarci ogni giorno di più dei livelli essenziali di assistenza, in modo subdolo ma per certi versi, come in questo caso, con una violenza inaudita. Vogliamo ricordare che l’80 % del bilancio regionale viene speso in sanità avendo come ritorno un servizio pessimo, non per negligenza di coloro che ogni giorno sono chiamati a combattere una guerra in trincea, che a volte lavorando al limite del protocollo si immolano per garantirci un minimo di assistenza sanitaria, ma per pagare i viaggi della speranza dei cittadini calabresi». Mario Gallina e Antonio Gorgoglione vogliono accertarsi che non si tratti di una “fake news”, ma sono pronti ad attivarsi per avviare azioni di lotta e di opposizione sociale a difesa del diritto alla salute.

«Era questo il rilancio che celebrava il decaduto consigliere regionale Giuseppe Graziano? - si chiedono i due esponenti di Rifondazione -. Ora ci spieghiamo a cosa è servita la passerella sullo Jonio di qualche settimana fa, da parte del ministro Lorenzin, seguita dal Sottosegretario di Stato allo Sviluppo economico, Antonio Gentile, sono venuti a disporre l’ennesimo scippo nei confronti di una comunità, quella coriglianese, già ridotta alla canna del gas. Come partito, quindi, ci attiveremo per le implicazioni che in particolari condizioni si potrebbero verificare e contestare la temuta sospensione di pubblico servizio, nei confronti del responsabile o dei responsabili di tale dissennata scelta, che attenta direttamente alla salute dei cittadini».

LA PREOCCUPAZIONE DI FORZA ITALIA PER IL LABORATORIO ANALISI

CORIGLIANO - “Che Stato è quello che abbandona i cittadini nel momento del bisogno, spesso nel cuore della notte, tra malanni e peripezie? Che lascia in balia delle onde famiglie che chiedono solo ascolto e comprensione, adeguata assistenza e servizi a misura d’uomo? Che invoca un sistema sanitario dalla presenza tangibile e non virtuale, capace di corrispondere agli accorati appelli che dalla società civile si levano?”. Una nuova Spada di Damocle dell'antisanità pende sulla testa dei cittadini. A generare lo stato di preoccupazione, sottolinenando il disagio, è il coordinamento cittadino di Forza Italia di Corigliano Calabro.

La nota è stata diffusa all’indomani di “alcune agghiaccianti voci sul futuro del locale ospedale, Guido Compagna”. E' a rischio il servizio, nelle ventiquattr'ore, del laboratorio di analisi. L'azienda sanitaria starebbe per decidere di dimezzare le ore dell'apertura dell'importante servizio, lasciando scoperte le ore serali e notturne. Una iniziativa che potrebbe portare benefici economici all'azienda sanitaria, che così risparmierebbe sul personale impiegato e su un uso dimezzato dei macchinari; ma la decisione potrebbe non giovare alla salute di chi, potrebbe aver bisogno del servizio nelle ventiquattr'ore. “Nella giornata di mercoledì prossimo – fanno sapere dal coordinamento di Forza Italia - è previsto un importante incontro tra i vertici dell’Azienda sanitaria provinciale e le organizzazioni sindacali. Ebbene, alla vigilia di tale momento d’incontro e confronto, e nell’esclusivo interesse delle popolazioni del territorio, Forza Italia intende lanciare un chiaro e inequivocabile grido d’allarme sul destino del laboratorio analisi del nosocomio cittadino. Occorre infatti scongiurare la terrificante ipotesi – si legge nella nota dei forzisti – che vedrebbe la chiusura notturna del predetto laboratorio. Così facendo, infatti, si passerebbe dall’attuale servizio di basilare importanza, operativo 24 ore su 24, ad un servizio a metà, ossia di sole 12 ore, lasciando completamente scoperte tutte le ore della notte. Se ciò corrispondesse al vero, i cittadini-utenti si troverebbero di fatto privati, nel bel mezzo della notte, in caso di situazioni della massima urgenza, del servizio d’analisi”.

C'è timore nella cittadina ionica, anche in considerazione di ulteriori notizie venute fuori nei giorni scorsi come il possibile taglio di quaranta posti letto. Altra situazione che limiterebbe la funzionalità dell'assistenza sanitaria per tutti i cittadini del comprensorio della sibaritide. “L’ospedale di Corigliano, al pari di altri “tagli” come quello recentemente ventilato dei 40 posti letto – commentano da Forza Italia - non può trovarsi dinnanzi ad una balorda situazione del genere, col personale medico e paramedico costretto ad appoggiarsi alle altre strutture del territorio e rendere così ancora più difficoltoso e lungo l’iter di assistenza a quanti necessitano di cure e risposte immediate. Forza Italia – concludono gli Azzurri ausonici – invita pertanto le competenti autorità a desistere da qualsivoglia disegno di siffatta portata, assolutamente inaccettabile e inconcepibile”.

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Belvedere Marittimo

Belvedere_logo
città dell'amore

Diamante

Diamante_logo
città dei Murales

Scalea

scalea_logo
perla del tirreno

Praia a mare

praia_a_mare_logo
città dell'isola

Tortora

tortora_logo
Tra storia e mare
Da Scalea un 'calcio all'autismo' con Tacconi e Tocci
 
Cosenza, esplosione in via Caloprese al bar Bilotti
 
Scalea, inaugurato uno spazio aggregativo al centro storico
 
Scalea, formazione di una tromba d'aria
 
Praia a Mare 'splende': città in festa per il Giro d'Italia - VIDEO
 

 
istituto professionale gabriele - Tortora - 0985 765256

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di piu o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Per accettare i cookie, memorizzare la scelta e nascondere questo banner clicca su Accetto.