Miocomune.it

La tua informazione locale

Gio17102019

Ultimo Aggiornamento:10:54:15

Indietro Tirreno Tirreno News Cronaca Operazione murales, sabato gli interrogatori dal Gip al tribunale

Operazione murales, sabato gli interrogatori dal Gip al tribunale

  • PDF

SCALEA – 19 dic. - I venticinque indagati dell'operazione “Murales” sono passati sabato scorso dall’ufficio del Giudice per le indagini preliminari, Maria Grazia Elia. L'attività di indagine, come è ormai noto, si è sviluppata in un clima particolare.E' stata definita, più volte, un'inchiesta “lampo”. Ma altre particolarità sono state poste in essere in questa occasione. Sabato, il Pubblico ministero, Anna Chiara Fasano, ha chiesto al Gip ed ottenuto il divieto di colloquio dei venticinque fermati con i difensori.

Nessun contatto. Pare che qualche indagato abbia risposto alle domande formulate dal Gip. La maggioranza, invece, pare, si sia avvalsa della facoltà di non rispondere. Gli interrogatori sono andati avanti per diverse ore e, davanti al Tribunale di Paola, sono comparsi anche diversi parenti e amici degli indagati, con la speranza di poter scambiare almeno un saluto. Un sabato sicuramente anormale per il tribunale paolano. La conferma che l'operazione “Murales” dei carabinieri della Compagnia di Scalea è andata a fondo nelle “piazze” dello smercio della droga. Ma, ovviamente, come ha commentato qualche legale di fiducia degli indagati le posizioni da valutare sono diverse. Fra i fermati ci sono anche numerosi incensurati, oltre a volti e nomi noti alle forze dell'ordine.

Il Gip Elia potrebbe decidere nella mattinata di lunedì, entro la scadenza dei termini. Al momento non è dato conoscere alcun particolare sugli interrogatori di ieri. Il Pubblico ministero ha ribadito la richiesta dell'applicazione della misura cautelare. Il collegio difensivo è formato in gran parte da avvocati del Foro di Paola: Marco Bianco, Natalia Branda, Giuseppe Bruno, Vito Caldiero, Franza Caruso, Ivana De Angelis, Alessandro Gaeta, Italo Guagliano, Francesco Liserre, Roberta Petrungaro, Armando Sabato.

Come è stato ribadito anche nel corso della conferenza stampa di venerdì mattina, l'attività di indagine si basa essenzialmente sulle intercettazioni telefoniche e ambientali e su una serie di riscontri effettuati a supporto degli ascolti. I carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile e della Compagnia di Scalea, coordinati dal capitano Alberto Pinto, hanno dato il via all'indagine confluita nell'operazione “Murales”, in seguito al sequestro di un grosso quantitativo di sostanza stupefacente: 1871 grammi di hashish e 337,4 di cocaina. La marijuana compare in almeno cinque capi di imputazione. Secondo gli investigatori si tratta di una riorganizzazione delle piazze di cessione di sostanze stupefacenti che ruoterebbe attorno alla cittadina di Cetraro, espandendosi in vari centri del Tirreno cosentino.

C'è da dire che qualche legale delle persone fermate ha anche espresso un cauto ottimismo per alcune posizioni. Ma ovviamente, in questa fase delicata, nessuno vuole sbilanciarsi più di tanto e si preferisce attendere in assoluto silenzio la decisione del Giudice per le indagini preliminari, prima di valutare eventuali ulteriori strategie.

Nei vari centri coinvolti dall'operazione, ma soprattutto a Diamante, il via vai dei carabinieri nelle prime ore del mattino di venerdì e la presenza dell'elicottero hanno generato un clima surreale. Una situazione particolare che anche il colonnello Ottaviani, in conferenza stampa, ha motivato: «Noi lavoriamo per i cittadini – ha detto il comandante provinciale dei Carabinieri di Cosenza -. Lo scopo di questa operazione era dare una risposta immediata. L'attività è stata posta in essere per togliere droga dalle strade ed evitare che i figli di cittadini che abitano nell'alto Tirreno cosentino si possano rovinare prendendo strade sbagliate».

L’attenzione delle Forze dell’ordine resta alta su tutto il territorio del Tirreno cosentino, soprattutto dopo le operazioni Frontiera, Plinius 1 e Plinius 2.

IL VIDEO DELLA CONFERENZA STAMPA

IL VIDEO DELL'OPERAZIONE

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

© riproduzione riservata

Miocomune Atom News Miocomune RSS News

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di piu o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Per accettare i cookie, memorizzare la scelta e nascondere questo banner clicca su Accetto.