Miocomune.it

La tua informazione locale

Mar21012020

Ultimo Aggiornamento:10:54:15

Indietro Tirreno Tirreno News Cronaca Incendi: “E' un terremoto”. Il Conapo chiede lo stato di emergenza

Incendi: “E' un terremoto”. Il Conapo chiede lo stato di emergenza

  • PDF
  • Prec.
  • 1 of 2
  • Succ.

COSENZA – 13 lug. - Emergenza incendi: la denuncia del Conapo, il sindacato autonomo dei Vigili del Fuoco. Il segretario provinciale fa sapere che il Conapo chiede lo stato di calamità. «Purtroppo ancora oggi, dobbiamo riscontrare le gravi difficoltà alle quali sono sottoposti i Vigili del fuoco della provincia di Cosenza». La denuncia di Michele Leonetti, segretario provinciale Conapo dei Vigili del fuoco di Cosenza, già anticipata con varie note a tutti i vertici del Corpo e politici, arriva puntualmente dopo che decine e decine di focolai attivi e incendi di grosse dimensioni stanno provocando danni ingenti alle abitazioni ed ai boschi, con migliaia di persone evacuate dalle case di proprietà in centri urbani.

Eventi di notevoli dimensioni e, considerato il continuo e costante incremento, sembrano proliferare di giorno in giorno, vista la esigua convenzione Antincendio boschiva con i Vigili del fuoco che anche se incrementata di una squadra resta comunque insufficiente. Il Conapo chiede alle istituzioni, di decretare lo stato di calamità, per emergenza incendi, raddoppiando i turni di servizio h 24 e se necessario chiede di attivare le colonne mobili regionali dalle regioni del centro nord, proprio per come avviene con le fasi emergenziali per il terremoto. «La situazione è veramente drammatica - continua Leonetti – si potrebbe chiamare “Terremoto del fuoco”, la sala operativa è al collasso, i Vigli del fuoco sono anch’essi stremati ed al collasso e gli unici ad intervenire. Molti paesi ancora coinvolti da giorni: San Marco Argentano, Rovito, Pianette di Rovito, Amantea, il Parco Nazionale del Pollino che con la soppressione del Corpo Forestale non ha visto integrare il piano antincendi stipulando una relativa convenzione con il Corpo Nazionale Vigili del Fuoco, Torano Castello, Mongrassano, Belvedere Marittimo, Belmonte, Bucita, Fagnano ecc., ecc.

I mezzi aerei sono impegnati da giorni e, viste le continue richieste, non riescono a far fronte alla grave situazione che sta subendo tutta la provincia di Cosenza. Il grido dall’arme e rivolto ai vertici del Corpo ed a tutte le istituzioni preposte, dal Governo al Parlamento, dal presidente della Regione alla direzione regionale, ai sindaci dei comuni interessati per sollecitare l’attivazione dello stato di calamità, in quanto oltre alle abitazioni c’è il concreto pericolo che brucino anche le persone non vedendo arrivare come in molti casi le poche squadre tra l’altro stremate dei Vigili del fuoco.

Il sistema va rivisto, specie con la soppressione del Corpo Forestale dello Stato, magari concentrando sul corpo nazionale oltre alla lotta attiva anche il controllo del territorio, basta con tutte queste associazioni e sperpero di denaro pubblico, tutto quello che riguarda gli incendi va confluito in un'unica direzione, quella dei Vigli del Fuoco, naturalmente con le risorse di uomini e mezzi propri degli incendi boschivi e di macchia mediterranea, ma adesso c’è bisogno di unire le forze, tutti insieme e contrastare questo fenomeno che è diventato estremamente preoccupante e pericoloso dove è davvero a rischio l’incolumità delle persone, dichiarando lo stato di calamità».

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

© riproduzione riservata

Miocomune Atom News Miocomune RSS News

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di piu o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Per accettare i cookie, memorizzare la scelta e nascondere questo banner clicca su Accetto.