Miocomune.it

La tua informazione locale

Sab21092019

Ultimo Aggiornamento:10:54:15

Indietro Tirreno Tirreno News Cronaca Praia, incompatibilità: prima del consiglio di oggi, botta e risposta

Praia, incompatibilità: prima del consiglio di oggi, botta e risposta

  • PDF

PRAIA A MARE – 6 ago. - Convocato, su richiesta del gruppo di opposizione “Noi per Praia”, il consiglio comunale per discutere sulla presunta incompatibilità dell'assessore Pasquale Fortunato. La seduta è stata fissata per oggi. Il capogruppo, Norina Scorza, sottolinea: «Il sindaco Antonio Praticó ha preso atto, finalmente, che deve essere il consiglio comunale a doversi determinare su eventuali incompatibilità del consigliere Pasquale Fortunato, non essendo demandata a lui la possibilità di arrogarsi tale potere».

Come si ricorderà, già nei giorni scorsi era emersa la questione. Lo stesso sindaco Praticò aveva replicato immediatamente ritenendo che la carica di Fortunato non possa essere messa in discussione. «È da ritenersi assolutamente inconferente la nota di risposta del sindaco a questo gruppo pubblicizzata – risponde Norina Scorza - ove lo stesso si è preso la briga di sostenere, urlandolo a gran voce e con toni che hanno rasentato anche la diffamazione, la non incompatibilità come veniva richiesto di accertare. Come precisato da questa minoranza in consiglio comunale, lunedì scorso, la nota di risposta a firma del sindaco è da considerarsi “tamquam non esset”. 

Non è il sindaco che si determina sulla incompatibilità o meno ma è il consiglio comunale. Nulla esclude che i consiglieri di maggioranza e il sindaco possano propendere per una eventuale non incompatibilità, ma al consiglio deve essere data la possibilità di verificare la sussistenza della incompatibilità fermo restando che ognuno è artefice delle proprie libere determinazioni e se ne assume la responsabilità. Non è accettabile che questo sindaco decida ciò che non è di sua competenza, né che risponda nei termini in cui ha fatto. Nessuno contesta l’onorabilità di nessuno. Qui si tratta – aggiunge Norina Scorza - di determinare se vi siano cause di incompatibilità secondo quanto previsto dalla legge e non dal capriccio della minoranza. Non è accettabile che venga pubblicato su un giornale che il consigliere non è incompatibile perché lo ha deciso il sindaco. La legge dice qualcosa di diverso. E’il consiglio comunale che si determina e solo il consiglio. D’altronde é abitudine di questo sindaco fare proclami che trovano smentita il giorno dopo o quello immediatamente successivo».

LA REPLICA DEL SINDACO PRATICO'

«E’ difficile rispondere, in poche battute, alle tante falsità rappresentate dal gruppo “Noi per Praia”. E’ ora di finirla di riferire falsità alla gente e di attribuire ad altri, e a me in particolare, azioni non conformi alla legge». E' il sindaco di Praia a Mare, Antonio Praticò che interviene sulla questione della presunta incompatibilità dell'assessore Pasquale Fortunato. Una vicenda che ha già fatto registrare l'apertura di un acceso botta e risposta. «Io – spiega Praticò - ho semplicemente risposto ad una nota a me indirizzata quando mi è stato chiesto di riferire circa la presunta incompatibilità del consigliere Pasquale Fortunato. E in quella sede ho ritenuto di esprimere le mie considerazioni sulla vicenda e sulla incompatibilità reclamata dalla Scorza. Così come, peraltro, richiestomi. E per quale sacrosanto motivo avrei dovuto, di mia iniziativa, chiedere la convocazione di un consiglio comunale?

Per una paventata incompatibilità di Fortunato quando sarebbe il caso, forse, di sollevare ben altre incompatibilità. Nella nota inoltratami non c’era nessuna formale richiesta di convocazione di consiglio comunale ma solo l’esortazione a valutare quanto rappresentato e a formulare le mie di considerazioni. E queste non mi conducevano a determinarmi per la ricorrenza dei presupposti invocati dalla minoranza». Il Consiglio è, poi, stato oggetto di richiesta da parte di “Noi per Praia”, «solo a seguito della mia immediata replica – fa rilevare Praticò -. Non prima. Non intendo però continuare a giocare alla lotta dei furbi, dove il gruppo di minoranza cerca di tirarmi dentro ad una trappola in ogni occasione che si presenti per farmi apparire ciò che non sono. Ma non intendo nemmeno rimanere in silenzio sul comportamento scorretto posto in essere nei confronti miei e di tutta la mia amministrazione. Ed è per questo che sarà mia premura articolare una compiuta relazione ed inoltrarla al Prefetto di modo che lo stesso possa rendersi conto della irragionevolezza delle accuse rivolte a me e alla mia amministrazione e della assoluta falsità di quanto rappresentato dalla minoranza.

Il gruppo “Noi per Praia” dice di essere sempre attento a ogni problema. Ma pare che il senso comune del bisogno della povera gente non sia stato ascoltato o preso in considerazione allorquando si è ben pensato di risolvere a proprio vantaggio situazioni disperate. Il buon senso ritorna in gioco a proprio piacimento: l’importante è screditare aprioristicamente l’operato di questa amministrazione e gettare accuse infamanti nei confronti di persone degne di rispetto e stima. Si dovrebbe, quantomeno, avere la decenza di rappresentare i fatti di causa ed evitare di riferire cose non vere e, soprattutto, di riportare, a propria convenienza, fatti e comportamenti nell’alveo del loro subdolo modo di operare». 

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Miocomune Atom News Miocomune RSS News

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di piu o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Per accettare i cookie, memorizzare la scelta e nascondere questo banner clicca su Accetto.