Miocomune.it

La tua informazione locale

Infissi Rinaldi! Qualità e convenienza. Showroom a Scalea in via T. Campanella 112 e Corso Mediterraneo

Mar18062019

Ultimo Aggiornamento:01:11:38

Pubblicità:
Indietro Tirreno Tirreno News Cronaca Molestie a scuola: l'avvocatura distrettuale non sarà parte civile

Molestie a scuola: l'avvocatura distrettuale non sarà parte civile

  • PDF

ALTO TIRRENO – 2 dic. - La vicenda dell'insegnante rinviato a giudizio per molestie sessuali nei confronti di un'alunna minorenne fa registrare una ulteriore questione che sarebbe venuta fuori nella scorsa udienza del 28 novembre. L'avvocatura distrettuale dello Stato ha fatto sapere con una nota ufficiale di non essere intenzionata a prendere parte attiva al processo che, come è noto, si aprirà il prossimo mese di febbraio 2019. Secondo l'avvocatura, quindi, “non appare opportuna la costituzione di parte civile”.

La spiegazione sta nel testo successivo: “Dall'esame delle contestazioni ascritte agli imputati, infatti, non emerge alcuna diretta, immediata e grave lesione di specifici interessi statali, pertanto questa avvocatura, peraltro già gravata da un imponente carico di lavoro, ritiene, allo stato degli atti, che la presenza del Pubblico ministero, si ponga a sufficiente garanzia degli interessi erariali”. In maniera indiretta, sulla questione, si era già espresso l'avvocato di Parte civile, Francesco Liserre, per il quale la vicenda rappresenta: “Un vero incubo vissuto, ancora oggi, dall'indifesa vittima, incredula che tale violenza potesse derivare proprio da chi avrebbe avuto il dovere di tutelarla e profondamente delusa dal silenzio istituzionale di una Scuola che avrebbe dovuto avvertire il dovere, morale e giuridico, di costituirsi parte civile, stigmatizzando tale esecrabile condotta e prendendo, concretamente, le distanze da soggetti indegni di espletare il nobile ed ineludibile ruolo educativo, soprattutto in quel particolare contesto”. Come è noto mercoledì scorso, in assenza sia dell'imputato che della persona offesa, si è svolta l'udienza preliminare, rigorosamente a porte chiuse, a seguito della quale, dopo la discussione del Pubblico ministero, dell'avvocato Liserre e dell'avvocato Agostino, sostituto dell'avvocato Vecchio, il Giudice per le indagini preliminari, rigettando la richiesta di revoca di misura avanzata dalla difesa dell'imputato, ha disposto il giudizio del professore per l'udienza del 6 febbraio 2019 dinanzi al Tribunale penale collegiale di Paola. Da quella data, nell'aula di giustizia verranno ripercorsi i fatti che risalgono ai mesi di gennaio e febbraio di quest'anno per cercare di fare piena luce su di una vicenda che, se confermata, si rivelerebbe davvero squallida. 

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Belvedere Marittimo

Belvedere_logo
città dell'amore

Diamante

Diamante_logo
città dei Murales

Scalea

scalea_logo
perla del tirreno

Praia a mare

praia_a_mare_logo
città dell'isola

Tortora

tortora_logo
Tra storia e mare
Scalea, in 400 per la seconda edizione della Granfondo Terùn
 
Castrovillari, cambiamenti climatici e sviluppo rurale: concluso il workshop
 
Cosenza, primo tourist-docu-reality del Sud Italia: al via "Calabria Avventura"
 
Scalea: accolta al comune l'artista Anna Maria Maiolino
 
A Scalea, da tutto il mondo per Eventopeople
 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di piu o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Per accettare i cookie, memorizzare la scelta e nascondere questo banner clicca su Accetto.