Miocomune.it

La tua informazione locale

Ven18102019

Ultimo Aggiornamento:10:54:15

Indietro Tirreno Tirreno News Cronaca Scalea, rigettata richiesta di sorveglianza speciale per un indagato in Frontiera

Scalea, rigettata richiesta di sorveglianza speciale per un indagato in Frontiera

  • PDF

SCALEA – 8 mag. - La Procura della Repubblica di Catanzaro aveva richiesto la misura di sorveglianza speciale per Andrea Ricci, 35 anni, di Scalea. Ricci, indagato nell'operazione “Frontiera” portata a termine dalla Dda a luglio 2016 nel Tirreno cosentino, secondo quanto richiesto dal Pubblico ministero avrebbe avuto anche l'obbligo di soggiorno nel comune di residenza per la durata massima prevista dalla legge.

Il Tribunale di Catanzaro, seconda sezione penale, misure di prevenzione, ha accolto le tesi degli avvocati difensori di Andrea Ricci, Nicola e Gemma Guerrera, ed ha rigettato la proposta di applicazione della misura avanzata dalla Procura catanzarese il 28 dicembre dello scorso anno. Sono stati tenuti in considerazione diversi elementi prospettati dagli avvocati Nicola e Gemma Guerrera: il tribunale del riesame in sede di giudizio di rinvio ha annullato l'ordinanza applicativa della misura cautelare personale, per carenza di gravità indiziaria in relazione al capo associativo. L'indagato è stato assolto, con sentenza passata in giudicato per i reati di estorsione, furto, resistenza a pubblico ufficiale. Resta una sola pena di quattro mesi impugnata in Appello. Gli avvocati difensori hanno inoltre sottolineato come dal 2014 ad oggi non si registrano segnalazioni, “con conseguente inattualità del giudizio di pericolosità sociale formulato in Procura”. Il tribunale si è espresso anche in merito a presunte frequentazioni, per le quali ha segnalato la mancanza di documentazione. “Tanto considerato – si legge agli atti – il Tribunale ritiene di condividere le argomentazioni difensive, in quanto le segnalazioni riportate non risultano evocative, ad avviso del collegio, dell'attuale pericolosità del preposto”. Per questi ed altri motivi, quindi, il Tribunale catanzarese ha deciso di accogliere l'istanza degli avvocati Nicola e Gemma Guerrera, rigettando senza ulteriori spese, la proposta. 

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Miocomune Atom News Miocomune RSS News

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di piu o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Per accettare i cookie, memorizzare la scelta e nascondere questo banner clicca su Accetto.