Miocomune.it

La tua informazione locale

Mer21082019

Ultimo Aggiornamento:10:54:15

Indietro Tirreno Tirreno News Cronaca Diamante, furto alla Tamoil: arrestato e rimesso in libertà un uomo di Maierà

Diamante, furto alla Tamoil: arrestato e rimesso in libertà un uomo di Maierà

  • PDF

DIAMANTE – 6 giu. - Si era appropriato di 1.050 euro lasciati momentaneamente dal proprietario della pompa di benzina Tamoil sulla cassaforte. E' stato fermato e posto agli arresti domiciliari. Ieri, è stata disposta dal tribunale la remissione in libertà dell'indagato. Si tratta di R.P., 59 anni, di Maierà.

Il Giudice Filippo Putaturo, al termine dell'udienza di ieri, ha convalidato l'arresto. Il pubblico ministero aveva chiesto la conferma della misura cautelare degli arresti domiciliari. R.P. è stato difeso dall'avvocato Libero Borsani che ha chiesto ed ottenuto la remissione in libertà. I fatti risalgono a martedì mattina. Intorno alle 10.00. I carabinieri della compagnia di Scalea sono stati avvisati in seguito alla verifica della scomparsa del denaro. Il titolare della pompa di benzina stava inseguendo a piedi l'autore del furto, avvenuto pochi minuti prima all'interno dell'ufficio della pompa di benzina di contrada Monache. Il titolare, secondo quanto è emerso, aveva lasciato la somma di denaro all'interno dell'ufficio e si era momentaneamente allontanato. Al ritorno aveva notato la mancanza di alcune banconote. Aveva quindi individuato il possibile autore del furto e gli aveva chiesto la restituzione, ricevendone indietro soltanto alcune. La perquisizione effettuata dai carabinieri successivamente permetteva di ritrovare 19 banconote da 50 euro nascoste all'interno del jeans indossato dall'indagato. A quel punto R.P. veniva tratto in arresto. I conteggi effettuati del denaro proveniente dal gioco del Lotto si riferivano ad una somma di 1300 euro, con 1050 euro mancanti. Il titolare, al termine del conteggio del denaro, aveva posto la somma sulla cassaforte allontanandosi per pochissimo tempo, chiudendo la porta dell'ufficio. Le immagini della videosorveglianza hanno poi rivelato l'intera scena. Il 59enne dopo aver preso il denaro si era spostato verso la sua auto parcheggiata all'esterno del piazzale. Il titolare gli aveva quindi chiesto la restituzione del denaro. R.P., a quel punto, aveva ammesso di aver rubato soltanto cento euro. Solo successivamente, con l'intervento dei carabinieri, veniva recuperata l'intera somma di denaro. Il giudice Putaturo, quindi, dopo aver convalidato l'arresto ha accolto le richieste dell'avvocato Libero Borsani rimettendo in libertà l'indagato.

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Miocomune Atom News Miocomune RSS News

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di piu o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Per accettare i cookie, memorizzare la scelta e nascondere questo banner clicca su Accetto.