Miocomune.it

La tua informazione locale

Mer21082019

Ultimo Aggiornamento:10:54:15

Indietro Tirreno Tirreno News Cronaca Grisolia, tentato omicidio: fermato un uomo noto alle forze dell'ordine

Grisolia, tentato omicidio: fermato un uomo noto alle forze dell'ordine

  • PDF

GRISOLIA - 6 giu. - Un altro caso risolto in poche ore dai carabinieri della compagnia di Scalea. Assicurato alla giustizia il presunto responsabile della sparatoria da far west avvenuta a Grisolia, nel centro storico, tra via Roma e via Santa Venere nella serata di mercoledì. 

Si tratta di Domenico Ritondale, 34 anni, del posto, già noto alle forze dell'ordine. Il giovane avrebbe esploso due colpi di fucile ed è quindi accusato di tentato omicidio. Il movente sarebbe da ricercare in vecchie ruggini fra le due famiglie che hanno innescato la rissa poco prima delle 19.30 di mercoledì. In particolare, questa volta, gli specchietti di due auto che si sono toccati. La scintilla è stata questa. Ma la vicenda si trascina da diverso tempo e, da quanto si è appreso aveva coinvolto anche altre persone.

I dissapori ruoterebbero attorno al parcheggio dell'auto. Situazione, si dice in paese, che forse poteva essere risolta con la realizzazione di un'area riservata ai diversamente abili. L'auto ostruirebbe l'ingresso a via Santa Venere, accessibile, a dire il vero anche da una scalinata.

La discussione sarebbe però degenerata a tal punto che Domenico Ritondale avrebbe esploso i due colpi di arma fuoco cercando di far valere le proprie ragioni con la forza. Ma anche, terrorizzando alcuni ragazzi che giocavano nelle vicinanze e che sono fuggiti via e i pochi negozianti del luogo, alcuni dei quali avrebbero anche abbassato le saracinesche.

La segnalazione è giunta al 112 dei carabinieri. I militari sono intervenuti sul posto ed hanno subito avviato le indagini. I carabinieri del nucleo operativo e radiomobile, sezione operativa della compagnia di Scalea unitamente ai colleghi della stazione carabinieri di Santa Maria del Cedro, coadiuvati dai carabinieri forestali di Orsomarso, hanno eseguito il decreto di fermo emesso dal pubblico ministero, Maria Francesca Cerchiara, nei confronti di Domenico Ritondale, ritenuto responsabile del reato di tentato omicidio.

I militari stanno anche vagliando la presenza di riprese da telecamere di videosorveglianza. Le indagini, coordinate dal Pubblico ministero Maria Francesca Cerchiara e dirette dal capitano Andrea Massari, hanno consentito di raccogliere gravi indizi di colpevolezza nei confronti del giovane fermato. Un accurato sopralluogo sulla scena del crimine, effettuato da personale tecnico in forza alla compagnia carabinieri di Scalea, ha permesso di rinvenire sulle pareti di un’abitazione scalfitture sulla muratura esterna compatibili con la proiezione di colpi di fucile.

Si ritiene che siano stati due i colpi sparati. Le indagini sono comunque ancora in corso per definire tutti gli aspetti dell’evento delittuoso, alla base del quale dovrebbe esserci il banale litigio per problemi di vicinato e vecchie questioni irrisolte con il vicinato.

Il fermato è stato accompagnato presso la casa circondariale di Paola a disposizione della Procura della Repubblica.

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Miocomune Atom News Miocomune RSS News

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di piu o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Per accettare i cookie, memorizzare la scelta e nascondere questo banner clicca su Accetto.