Miocomune.it

La tua informazione locale

Dom15122019

Ultimo Aggiornamento:10:54:15

Indietro Tirreno Tirreno News Cronaca Praia a Mare, incendio al capannone: parla l'imprenditore De Rosa

Praia a Mare, incendio al capannone: parla l'imprenditore De Rosa

  • PDF

PRAIA A MARE – 1 ago. - Un incendio che ha colpito tante famiglie in un periodo in cui si lavora molto più, anche per far quadrare i bilanci di un anno intero. L'incendio al capannone di proprietà della famiglia De Rosa ha messo in difficoltà tante famiglie di Praia a Mare. L'incendio, come è noto, di origine dolosa, ha interessato il megastore di imprenditori cinesi al primo piano del capannone.

Ma come purtroppo avviene in questi casi, il calore generato dalle fiamme, il fumo che si sprigiona, hanno avuto inevitabili ripercussioni sui magazzini Conad al primo piano. Non solo parte della merce resa inutilizzabile dal fumo nero e denso, ma anche la struttura necessita di interventi. Sono i vigili del fuoco a dover garantire il ritorno alla funzionalità della struttura, ma anche i proprietari, la famiglia De Rosa confermano: «Stiamo lavorando tutti insieme per velocizzare la riapertura del supermercato Conad, sito al piano terra dell’edificio, tenendo conto delle indicazioni che ci stanno dando sia i tecnici esterni, che i vigili del fuoco, durante i loro periodici sopralluoghi. Proprio loro sono stati i primi a comprendere quanti disservizi possa causare l’inattività del punto vendita. Certamente, tutti gli interventi di ripristino della struttura dovranno essere eseguiti alla perfezione, al fine di garantire la massima sicurezza per il personale e per i clienti. Da questo punto di vista non tralasceremo nulla al caso. Pertanto, ci stiamo avvalendo di personale specializzato che ci possa garantire la massima efficienza negli interventi, senza barattare sul tempo necessario». Stefano De Rosa, uno dei proprietari dell’immobile di via San Paolo in Praia a Mare, danneggiato dall’incendio doloso verificatosi nella notte tra domenica e lunedì ha un pensiero per quanti hanno espresso solidarietà: «Vogliamo ringraziare tutti coloro che in questi terribili giorni ci sono stati vicini con telefonate, messaggi personali e attestati di solidarietà sui social. È stato un brutto colpo per la nostra famiglia. Dopo tanti anni di attività, mai ci saremmo aspettati un atto così vile che non ha colpito solo noi, ma un’intera comunità. Nonostante tutto stiamo lavorando per ripartire». Le forze dell'ordine stanno lavorando per poter garantire la riapertura in sicurezza: «Un ringraziamento particolare – aggiunge De Rosa – ai carabinieri di Praia a Mare e Scalea, al comandante della Polizia Locale di Praia a Mare, ai Vigili del Fuoco per la loro umanità e comprensione, agli amici imprenditori e ai dipendenti delle nostre aziende che con qualsiasi mezzo ci hanno aiutato in quelle tragiche ore». In questi casi è inevitabile un momento di profonda delusione: «In un primo momento – ha dichiarato Stefano De Rosa – ho pensato che tutti i nostri sacrifici quotidiani fossero serviti a niente, poi, guardando i volti dei dipendenti, degli amici e delle persone che ci hanno aiutato in quelle ore d’inferno, sia io, che i componenti della famiglia, ci siamo convinti del fatto che non potevamo arrenderci davanti a chi, nel 2019, usa questi metodi per manifestare qualche frustrazione o qualche malattia mentale, mettendo a repentaglio il nostro futuro e quello dei nostri dipendenti, visto l’indotto che ruota intorno a queste attività».

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Miocomune Atom News Miocomune RSS News

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di piu o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Per accettare i cookie, memorizzare la scelta e nascondere questo banner clicca su Accetto.