Miocomune.it

La tua informazione locale

Mer16102019

Ultimo Aggiornamento:10:54:15

Indietro Tirreno Tirreno News Politica Scalea, reflui in zona Petrosa: la politica discute

Scalea, reflui in zona Petrosa: la politica discute

  • PDF

SCALEA – 15 lug. - Aprire argomenti come quello dell'altro giorno denunciato dal Movimento Cinque stelle è sempre un po' spinoso in questo periodo. Uno sversamento di reflui, anche momentaneo, in piena estate non è certamente una situazione facile da affrontare. Il consigliere pentastellato, Renato Bruno, tiene a precisare che: “Non si tratta di una semplice segnalazione video, ma di un esposto alla Guardia costiera, Carabinieri e al Noe così come era stato indicato precedentemente. Tutto questo – spiega Bruno - per non "allentare" l'attenzione su quanto accaduto”. Come è noto, in località Petrosa il consigliere Bruno ha voluto veder chiaro sul cattivo odore che sentivano tutti gli automobilisti di passaggio sulla Statale 18. A qualche metro di distanza un tubo fognario rotto.

“Già da prima di entrare in consiglio – spiega Bruno - ci siamo mossi nel monitoraggio del territorio e in questo mese ci siamo messi in moto per delle verifiche sulla situazione del canale nella zona del Liceo Scientifico, sull'impianto di riciclaggio a S. Domenica Talao e altre segnalazioni di perdite d'acqua. in aggiunta a questa attività si segnala la presentazione di due mozioni, la richiesta di accesso agli atti relativamente all'aviosuperficie e al trasporto di percolato”. Ma anche il consigliere comunale di “Pensiamo a Scalea”, Achille Tenuta torna sull'argomento della perdita fognaria.

“Mi sono recato presso l'ufficio tecnico del Comune di Scalea – scrive - ed ho appurato che lo "scarico abusivo", scoperto in località Petrosa dal consigliere Bruno, altro non è, che un tratto di conduttura fognaria privata, danneggiato dalla caduta di un masso. Tale conduttura è allacciata alla rete fognaria pubblica, che dal pozzetto si collega al depuratore comunale. I tecnici del comune hanno agito immediatamente a tutela dell'igiene pubblica, provvedendo alle necessarie riparazioni con riserva di addebitarne i costi ai relativi proprietari. Il sito si trova sul lato monte della SS 18 e non ha niente a che fare col mare e con il litorale. Ricordo a tutti – conclude Tenuta - che suscitare allarme, annunziando pericoli inesistenti, costituisce reato punito con l'arresto”. In ogni caso, però, va dato merito al consigliere di Cinque stelle. Bruno, non è solo passato in quel luogo come tanti cittadini, ma ha voluto approfondire il perchè della presenza del cattivo odore.

i Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

©riproduzione riservata

Miocomune Atom News Miocomune RSS News

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di piu o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Per accettare i cookie, memorizzare la scelta e nascondere questo banner clicca su Accetto.