Miocomune.it

La tua informazione locale

Lun24022020

Ultimo Aggiornamento:10:54:15

Indietro Tirreno Tirreno News Politica San Nicola Arcella, chiesto un Consiglio comunale per la scuola materna

San Nicola Arcella, chiesto un Consiglio comunale per la scuola materna

  • PDF

SAN NICOLA ARCELLA – 23 dic. - Un consiglio comunale per prevedere l'acquisizione al patrimonio comunale della Scuola materna “Filomena Barletta”. La proposta, come preannunciato, arriva dal gruppo consiliare di opposizione: “Liberi di Cambiare”, Nadir Ariete, Gianpaolo Errigo e Domenico Osso. Si propone: “La modifica del Documento unico di programmazione, inserendo l'acquisizione e la ristrutturazione della Scuola materna”.

Nel caso in cui l'Amministrazione non volesse approvare la modifica del Documento, il gruppo di opposizione propone: “Che il consiglio comunale deliberi una "Dichiarazione d'Intenti", nella quale si obbliga ad inserire nel Programma delle opere pubbliche 2017/2019 l'acquisizione e ristrutturazione della Scuola materna, da effettuarsi mediante l'accensione di un mutuo presso la Cassa Depositi e prestiti o altro istituto di credito. Per l'acquisizione dell'immobile si procederà mediante acquisto o esproprio”. I consiglieri Ariete, Errigo e Osso ricordano che la Scuola materna è stata costruita da Amedeo Barletta negli anni '30 e rappresenta da sempre un simbolo per l'intera comunità.

“Tutte, o quasi, le persone che vivono a San Nicola Arcella, compresi noi – si legge - i nostri padri ed i nostri figli, hanno frequentato l'asilo e che esso, in tutti questi anni ha rappresentato un orgoglio per San Nicola, sia per le qualità strutturali ed architettoniche dell'edificio, ma soprattutto perché è stato sempre gestito da un istituto che ha esercitato il mandato pastorale con grande capacità, educando i bambini ai sani principi della moralità, della fratellanza e seguendo i dettami della nostra religione. Nell'asilo sono racchiusi i ricordi di tutti noi: le nostre recite di Natale e quelle dei nostri figli e dei nostri nipoti, la catechesi e tutte le innumerevoli attività che da tempo immemorabile hanno costellato il lavoro delle suore, che tutt'ora svolgono una funzione sociale insostituibile. L'immobile – ricorda ancora il gruppo Liberi di cambiare - è ricompreso in un concordato preventivo di vendita e pertanto potrebbe essere acquistato da un privato. L'intero consiglio comunale ha espresso in più riprese la volontà che l'asilo possa continuare a svolgere l'alto ufficio cui è destinato”.

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

© riproduzione riservata

Miocomune Atom News Miocomune RSS News

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di piu o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Per accettare i cookie, memorizzare la scelta e nascondere questo banner clicca su Accetto.