Miocomune.it

La tua informazione locale

Lun14102019

Ultimo Aggiornamento:10:54:15

Indietro Tirreno Tirreno News Politica Scalea, nel Palazzo dei Principi gli uffici della soprintendenza

Scalea, nel Palazzo dei Principi gli uffici della soprintendenza

  • PDF

SCALEA – 22 mar. - L'amministrazione comunale del sindaco Gennaro Licursi ha avviato una importante sinergia con la Soprintendenza archeologica. Recentemente, il responsabile Mario Pagano, è stato nel centro storico della cittadina per visitare gli affreschi bizantini che si trovano all'interno di fabbricato privato a disposizione dei visitatori e della soprintendenza. La Giunta comunale ha perfezionato lo schema di convenzione per il trasferimento degli uffici periferici della Soprintendenza dai locali di Torre Cimalonga a quelli comunali di palazzo dei principi. Varie volte il sindaco Licursi e la sua amministrazione avevano espresso l'idea di voler destinare alcuni locali, al piano terra, del palazzo dei Principi alla Soprintendenza, perché ritenuti più funzionali rispetto a quelli dove è attualmente la sede.

Il Palazzo dei Principi risale al XVI secolo e dovrebbe diventare, in parte, la nuova sede degli uffici periferici. Il protocollo d'intesa fra il Comune e la Soprintendenza punta a nuove modalità di collaborazione, nel rispetto delle prerogative istituzionali, al fine di rendere più efficace l'attività di tutela sul territorio e di promuovere con maggiore efficacia i beni archeologici del territorio.

Nel protocollo è previsto anche il deposito dei reperti archeologici e laboratori didattici anche nell'ambito dell'alternanza scuola-lavoro, oltre alla realizzazione di sale d'esposizione. Sia il soprintendente Pagano che il sindaco Licursi avevano annunciato varie iniziative in una recente conferenza stampa. E, come è noto, si è già provveduto a ripulire una parte della Torre Talao per rendere fruibile una costruzione di epoca romana. La soprintendenza, per come si legge nello schema di convenzione, si impegna a predisporre, a proprie spese, il progetto espositivo museale alla cui elaborazione potrà partecipare anche personale interno del Comune. Il Comune si impegna a trovare i finanziamenti necessari all'allestimento.

Come è ovvio, lo schema prevede il coordinamento di studi e aggiornamenti di tipo storico-archeologico e didattico-divulgativo, pubblicazioni scientifiche, convegni documenti audiovisivi. Insomma una serie di iniziative che puntano a valorizzare i “gioielli di famiglia”, come li ha definiti il sindaco nel corso della recente conferenza stampa. Il progetto politico punta a fornire maggiori opportunità a chi sceglie la cittadina tirrenica per le proprie vacanze. Non solo mare, ma anche altro.

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

© riproduzione riservata

Miocomune Atom News Miocomune RSS News

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di piu o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Per accettare i cookie, memorizzare la scelta e nascondere questo banner clicca su Accetto.