Miocomune.it

La tua informazione locale

Dom17112019

Ultimo Aggiornamento:10:54:15

Indietro Tirreno Tirreno News Politica Scalea, il "blob” fa capolino, ma “viene da altri comuni”

Scalea, il "blob” fa capolino, ma “viene da altri comuni”

  • PDF

SCALEA – 30 giu. - Dopo un periodo iniziale di “tregua” che ha fatto ben sperare in una buona stagione estiva, dal punto di vista della qualità del mare, torna a galleggiare la “famosa” striscia multicolore. L'incubo dei bagnanti e, ancor di più, degli operatori turistici. La macchia, come un “blob” di televisiva memoria ha fatto il suo cammino rendendosi visibile. E' subito scattata la serie di telefonate: bagnanti infastiditi da tale presenza; operatori turistici che devono poter giustificare; amministratori che vogliono capire. Ed è per questo motivo che l'ufficio tecnico del comune di Scalea ha subito predisposto un controllo affidando il compito al comando della Polizia locale.

Da quanto si è appreso, gli agenti della Polizia locale hanno effettuato il percorso a ritroso, chiedendo anche notizie ai bagnanti, sull'orario della comparsa, sulla direzione di spostamento della “macchia”. Dalla zona dell'Ajnella era ancora visibile la striscia composta dalla solita schiuma che assume varie colorazioni: in questo caso fra il bianco sporco e il marrone. Quest'ultimo, un colore che fa temere la presenza di elementi che legano poco con i bagnanti. Il “blob” galleggiava a circa venti, trenta metri dalla battigia.

Non è dato sapere se siano stati prelevati dei campioni per potere effettuare eventuali esami sulla composizione. Potrebbe trattarsi della “solita” infiorescenza algale che toglie la patata bollente dalla pentola. Ma non ci sono elementi che possano portare nell'una o nell'altra direzione. Si apprende, però, che è stata effettuata un'ispezione lungo i corsi d'acqua e nell'impianto di depurazione. A Sud della “macchia” non sono state rilevate altre presenze “scomode”. Insomma fatte le opportune verifiche, pare che l'ipotesi più accreditata è che la macchia sia giunta da altre aree a nord del territorio di Scalea, spostata dalle correnti marine. A questo punto, come accade spesso, la situazione si complica ulteriormente perchè diventerebbe più difficile scoprire in modo sommario l'origine del “blob”.

Intanto, il Movimento Cinque stelle si prepara ad affrontare la tematica: “Ambiente e depurazione”. “Ogni anno – si legge in una nota - puntualmente, con l’arrivo della stagione estiva, si ripropone l’annoso problema dell’inquinamento. Un tema che abbraccia svariati settori che interessano il territorio. A tal fine, il 2 luglio prossimo, a partire dalle ore 10.30, all’interno del gazebo allestito sul lungomare Ruggero di Lauria a Scalea, ci incontreremo per discuterne insieme. Interverranno, Laura Ferrara, Paolo Parentela e Ferdinando Laghi.

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

© riproduzione riservata

Miocomune Atom News Miocomune RSS News

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di piu o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Per accettare i cookie, memorizzare la scelta e nascondere questo banner clicca su Accetto.