Miocomune.it

La tua informazione locale

Sab25012020

Ultimo Aggiornamento:10:54:15

Indietro Tirreno Tirreno News Politica Belvedere, il sindaco interviene sul concorso per due unità lavorative

Belvedere, il sindaco interviene sul concorso per due unità lavorative

  • PDF

BELVEDERE – 1 dic. - Il sindaco di Belvedere Marittimo, normativa alla mano, interviene sulla vicenda relativa al concorso per l’assunzione di due unità lavorative, appartenenti alle categorie protette. La questione aveva sollevato qualche reazione alla quale il primo cittadino di Belvedere, Enrico Granata, ha voluto replicare.

Per sgomberare il campo da ogni dubbio, Granata afferma: «A qualunque procedura concorsuale ogni ente, anche il Comune di Belvedere, ha l’obbligo di approvare la delibera di giunta con la quale viene programmato il fabbisogno triennale di personale in funzione delle esigenze amministrative gestionali del Comune ed in ossequio dei numerosi vincoli di finanza pubblica esistenti. Nel rispetto delle disposizioni normative vigenti il Comune di Belvedere ha adottato la delibera del 25 ottobre, debitamente esecutiva”. Nell'atto della Giunta è previsto l’atto d’indirizzo, al responsabile del servizio del personale, del Comune di Belvedere.

Si chiede: “di attuare ogni utile atto gestionale”, finalizzato all’inserimento di due unità lavorative iscritte nelle liste della Provincia di Cosenza e appartenenti alle categorie protette. Si prevede anche nella stessa delibera: l’approvazione dello schema di convenzione con la Regione Calabria, dipartimento Lavoro, formazione e politiche sociali, tramite il servizio di collocamento mirato dalla Provincia di Cosenza, delegando al sindaco la relativa sottoscrizione, avvenuta il 19 giugno 2018 ed approvata dalla Provincia di Cosenza il 28 giugno 2018. «Mi preme sottolineare, inoltre – commenta il sindaco Granata - che questa amministrazione, ed evitando qualsiasi discrezionalità, ha ritenuto, come sempre, indire bandi pubblici per ampliare la platea dei potenziali concorrenti ricorrendo agli elenchi speciali detenuti dal centro per l’impiego della Provincia di Cosenza. 

Infatti, proprio con lo scopo di garantire maggiore trasparenza e partecipazione, il Comune di Belvedere ha stipulato una convenzione con la quale delegava alla Provincia di Cosenza la gestione della fase iniziale della procedura concorsuale. Come da chiarimenti inviatimi dal responsabile del servizio del personale, che si condividono in toto, si mette in evidenza che i bandi di gara prevedevano, oltre all’iscrizione tra le categorie protette, alcuni altri requisiti, ad onor del vero pochi, necessari a garantire una competenza professionale differenziata in relazione alle diverse mansioni richieste. Pertanto non si comprende quale abuso o favoritismo si sia perpetrato stabilendo requisiti differenziati, peraltro abbastanza generici, per posti che andranno a soddisfare esigenze operative diverse».

La qualifica di idraulico saldatore, fa sapere il sindaco, non è un requisito alla presentazione della domanda oppure alla sua esclusione, ma serve soltanto ad inquadrare l’operaio nelle sue mansioni quotidiane visto che nel bando non è indicato nessun requisito oltre a quelli previsti per legge. «Il Comune – aggiunge Granata - attenendosi alla ormai consolidata giurisprudenza sulle procedure concorsuali, ha espressamente stabilito nei bandi che tutti i requisiti richiesti dovessero essere posseduti al momento della pubblicazione del bando concorsuale. Legittimamente, dunque, ha operato la Commissione quando ha disposto l’esclusione di alcuni concorrenti che avevano ottenuto la certificazione Ecdl successivamente alla pubblicazione del bando. La commissione concorsuale ha verificato la sussistenza di tutti i requisiti previsti dal relativo bando in capo ai candidati del concorso per operaio – idraulico saldatore ammettendo alla successiva fase selettiva tutti i candidati che avevano presentato domanda. Pertanto, anche in questo secondo caso, risulta destituita da qualsiasi fondamento l’asserita circostanza che il vincitore non sarebbe in possesso della patente B per come previsto dal bando concorsuale.

Non voglio dilungarmi sulle ulteriori illazioni, anch’esse destituite di qualunque fondamento, circa l’esito di una procedura concorsuale che vede ben dieci candidati iscritti nelle categorie protette ammessi a sostenere la prova orale che certamente non hanno bisogno di demotivanti, diffamatorie e qualunquistiche esternazioni sul concorso al quale sono chiamati a partecipare e che richiede, invece, un grande impegno ed altrettanto grandi spinte motivazionali. Evidenziando che i componenti della Commissione concorsuale interessata sono funzionari di altre Pubbliche Amministrazioni con notevoli esperienze maturate nell’ambito dei Concorsi Pubblici, cosa che è riscontrabile consultando i relativi curricula pubblicati sui siti istituzionali delle Amministrazioni di appartenenza o semplicemente digitandone il nominativo su un motore di ricerca».

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Miocomune Atom News Miocomune RSS News

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di piu o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Per accettare i cookie, memorizzare la scelta e nascondere questo banner clicca su Accetto.