Miocomune.it

La tua informazione locale

Lun17022020

Ultimo Aggiornamento:10:54:15

Indietro Tirreno Tirreno News Politica Belvedere, cammino virtuoso per l'acquisizione del castello

Belvedere, cammino virtuoso per l'acquisizione del castello

  • PDF

BELVEDERE – 3 gen. - L'anno nuovo potrebbe essere quello giusto per fare in modo che il castello aragonese di Belvedere Marittimo diventi di proprietà dei cittadini. Certo, l'iter burocratico è ancora lungo; però, come fanno sapere i consiglieri dei gruppi di opposizione, che da tempo sostengono questa battaglia, è stato intrapreso un cammino virtuoso.

Il consiglio comunale della cittadina tirrenica ne ha discusso proprio nel giorno della vigilia di Natale, come se la data potesse rivelarsi un ulteriore elemento di buon auspicio. Il consiglio del 24 dicembre ha, in definitiva, autorizzato il sindaco Enrico Granata a partecipare alla gara per l'acquisto dei 2/3 della proprietà del castello; e di procedere, successivamente, all'acquisto della rimanente parte dell'immobile, di proprietà degli eredi Spinelli; infine, di accendere un mutuo presso la cassa depositi e prestiti per un importo complessivo di 498.926,76 euro. “Non c'è dubbio – commentano i gruppi di opposizione “Ora”, “Belvedere cambiaverso” e “Rinascimento” - che questa delibera assume un'importanza fondamentale, considerato il ruolo centrale che il castello riveste per il recupero del centro storico e lo sviluppo turistico e culturale del nostro paese. Ma la strada da percorrere è ancora lunga: il mutuo con la cassa depositi e prestiti consente di acquistare l'immobile, ma non la sua ristrutturazione e valorizzazione”. Il percorso indicato dai tre gruppi consiliari minoranza è stato finalmente intrapreso. “Ora”, “Belvedere cambiaverso” e “Rinascimento” intendono fornire il loro contributo al reperimento di ulteriori risorse finanziarie. “Poiché la Regione Calabria ha pubblicato un bando per la valorizzazione dei borghi calabresi, al quale il nostro Comune ha partecipato con il progetto “Borgo del Castello d'oro”, d'intesa con il sindaco e la giunta si adopereranno presso gli organismi regionali perché sia concesso il finanziamento richiesto di 1.500.000 euro”. Il processo burocratico era stata avviato sin dal 14 novembre 2017, quando i consiglieri comunali dei tre gruppi avevano chiesto la convocazione del consiglio comunale per discutere dell'acquisto e valorizzazione del castello angioino-aragonese, oggetto di procedura di vendita giudiziaria, relativamente ai 2/3 della proprietà. Nel corso del consiglio comunale, tenuto il 28 novembre, e successivamente nell'assemblea pubblica del 14 gennaio 2018, i consiglieri di minoranza Bencardino, Carrozzino, Ugolino e Tribuzio, proponevano: la partecipazione del Comune alla gara indetta dal curatore fallimentare; l'esercizio del diritto di prelazione in caso di aggiudicazione a un soggetto privato; l'accensione di un mutuo con la cassa depositi e prestiti per la necessaria copertura finanziaria, o, in alternativa, la costituzione di una società mista o di un comitato per la raccolta fondi.

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Miocomune Atom News Miocomune RSS News

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di piu o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Per accettare i cookie, memorizzare la scelta e nascondere questo banner clicca su Accetto.