Miocomune.it

La tua informazione locale

Lun19082019

Ultimo Aggiornamento:10:54:15

Indietro Tirreno Tirreno News Politica Scalea, nave Vespucci: bilancio positivo e ringraziamenti

Scalea, nave Vespucci: bilancio positivo e ringraziamenti

  • PDF

SCALEA – 25 giu. - E' un bilancio positivo quello che l'associazione “Cara, vecchia Scalea”, e in particolare Pino Cardillo e Vincenzo De Vito, hanno tracciato ad una settimana dall'arrivo a Scalea della nave scuola della Marina militare, Amerigo Vespucci. 

L'associazione “Cara, vecchia Scalea” non è nuova ad iniziative del genere mirate a valorizzare la storia e le tradizioni della città. La presenza della nave Vespucci a Scalea è stata accolta con grande entusiasmo soprattutto da migliaia di cittadini, non solo di Scalea, che in qualche modo hanno anche stretto in un abbraccio la famiglia Bergamini che ha reso possibile la presenza a Scalea del veliero. E’ grazie alla famiglia Bergamini che è stato possibile far materializzare quello che i rappresentanti dell'associazione “Cara, vecchia Scalea” hanno definito un sogno.

La presenza del veliero in questo quadrante del Tirreno è un'immagine che rimarrà scolpita per sempre nei ricordi della storia cittadina, che in passato era strettamente legata al mare.

Per una serie di eventi, però, lo scorso 18 giugno, non è stato possibile avere la presenza della famiglia Bergamini a Scalea sulla nave Vespucci. Lo hanno spiegato ai cittadini e all'equipaggio della nave, Maria, Riccardo e Daniele Bergamini che hanno inviato una lettera che è stata letta in piazza, davanti al monumento ai Caduti di tutte le guerre, alla presenza del comandante della nave Vespucci, Capitano di Vascello Stefano Costantino, dal dottor Gigi Scoppetta medico del comandante Pierpaolo Bergamini. Daniele Bergamini terzo figlio del comandante Pierpaolo Bergamini e nipote dell'Ammiraglio Carlo Bergamini, comandante della flotta durante la seconda Guerra mondiale ha inviato la lettera anche a nome dei fratelli Maria e Riccardo. “Mio padre, Pierpaolo Bergamini, è stato sulla Vespucci con il ruolo di Guardia marina, addetto al controvelaggio. Le scrivo questa lettera unitamente ai miei fratelli, Maria e Riccardo, con i quali avremmo voluto essere a Scalea. Siamo molto dispiaciuti di non poter essere saliti a bordo della sua nave. Ma le condizioni di salute di nostro padre non ci consentono attualmente di allontanarci da Roma con la necessaria serenità.

L'Amerigo Vespucci – scrivono - è stata sempre presente nei racconti di nostro padre che ancora oggi, a quasi 99 anni, felicemente commosso e profondamente orgoglioso ce ne narra le meraviglie. La circostanza che la nave si trovi a Scalea rende il nostro rammarico ancor più grande. L'ultimo viaggio che facemmo con nostro padre fu sei anni fa proprio a Scalea dove il presidente dell'Associazione Marinai e tutti i suoi componenti lo accolsero circondandolo di indimenticabile e familiare affetto. Ci auguriamo di poter salire a bordo della Vespucci e di poterla conoscere in un futuro non troppo lontano. Siamo comunque particolarmente felici che che l'amico Gigi Scoppetta, medico di papà a cui ci legano sentimenti di profonda amicizia rappresenti la nostra famiglia in questa occasione”.

GUARDA I VIDEO DELLA GIORNATA

GLI INTERVENTI E LA LETTURA DELLA LETTERA DELLA FAMIGLIA BERGAMINI IN PIAZZA

IL VIDEO DELLA GIORNATA SULLA VESPUCCI

L'INTERVISTA AL COMADANTE STEFANO COSTANTINO

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Miocomune Atom News Miocomune RSS News

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di piu o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Per accettare i cookie, memorizzare la scelta e nascondere questo banner clicca su Accetto.