Miocomune.it

La tua informazione locale

Mer21082019

Ultimo Aggiornamento:10:54:15

Indietro Tirreno Tirreno News Politica Si punta nuovamente al rilancio del distretto del Golfo di Policastro

Si punta nuovamente al rilancio del distretto del Golfo di Policastro

  • PDF

SCALEA – 14 lug. - Si torna a parlare dell'area del Golfo di Policastro. Una zona che attraversa tre regioni con comuni della bassa Campania, Basilicata e alta Calabria. Un tempo, era stata la realizzazione dell'aviosuperficie di Scalea a rispolverare l'idea di un distretto che potesse lavorare per obiettivi comuni. Ora, gli imprenditori sono al lavoro per l'istituzione dello strumento interregionale necessario a risvegliare il settore turistico di una vasta area fermo da anni. Si spinge per le manifestazioni di interesse in vista della sottoscrizione del protocollo d'intesa.

“Parliamone”. Questo l'invito della macchina organizzativa per la concretizzazione del Distretto turistico Golfo di Policastro. Di recente, i promotori dell'iniziativa hanno diffuso le modalità per esprimere la manifestazione di interesse alla sottoscrizione del protocollo d'intesa che sarà redatto per l'adesione al progetto interregionale. Il distretto turistico Golfo di Policastro, istituito dal ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo con decreto del 17 dicembre 2013, comprende attualmente solo alcuni comuni della Campania ma, appunto, l'idea è quella di ampliare l'area coinvolgendo anche gli altri comuni che affacciano sul golfo di Policastro e che, tutto sommato, hanno gli stessi interessi. “L'iniziativa in fase di sviluppo proprio in questo periodo – si apprende da una nota - è promossa da alcuni imprenditori dell'area geografica interessata, coordinati da Antonio Mandarano, imprenditore calabrese nel settore della carta e interessato a investire nel turismo. È rivolta a enti comunali oltre che alle imprese turistiche del comprensorio, agli enti locali, alle associazioni di categoria e alle organizzazioni sindacali”. Alcune categorie del settore turistico hanno dimostrato che, quando si vuole, si può creare una unione che può portare a risultati migliori. Gli obiettivi sono: riqualificare e rilanciare l’offerta turistica a livello nazionale e internazionale; accrescere lo sviluppo delle aree e dei settori del distretto; migliorare l’efficienza nell'organizzazione e nella produzione dei servizi; assicurare garanzie e certezze giuridiche alle imprese che vi operano; intercettare le opportunità di incentivi finanziari agli investimenti; maggiore accesso al credito; semplificazione e celerità nei rapporti con le pubbliche amministrazioni.

“Questo fantastico territorio – spiegano i promotori – ha bisogno di investimenti pubblici e privati per rinascere. Gli enti pubblici devono creare i presupposti per attrarre investimenti da parte dei privati. Potrebbe essere l’idea vincente per l'intera area. Il riferimento concreto è il Distretto turistico interregionale Etruria Meridionale, che interessa Umbria, Toscana e Lazio. Il distretto consentirebbe di innovare il settore turistico, fermo da anni. Si opererebbe un capovolgimento nel sistema di programmazione, che non partirebbe più dalle istituzioni pubbliche ma dalle imprese associate. Queste, hanno la necessità e l'interesse ad aggregarsi, costruendo finalmente un quadro omogeneo dell’accoglienza turistica che sappia fare massa critica nei confronti dei grandi tour operator nazionali e internazionali”.

Ecco, inoltre, alcuni vantaggi che deriverebbero alle imprese coinvolte nel distretto. Ad esse si applicherebbero le disposizioni agevolative in materia amministrativa, finanziaria, per la ricerca e lo sviluppo. Anche se non costituite in rete, si applicherebbero comunque, su richiesta, le disposizioni agevolative in materia fiscale. Inoltre, i distretti costituiscono “zone a burocrazia zero” ai sensi dell'articolo 37-bis del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 dicembre 2012, n. 221; restano esclusi dalle misure di semplificazione le autorizzazioni e gli altri atti di assenso comunque denominati prescritti dal codice dei beni culturali e del paesaggio, di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42. Nei distretti sono attivati sportelli unici di coordinamento delle attività delle Agenzie fiscali e dell’Inps. Presso tali sportelli le imprese del distretto intrattengono rapporti per la risoluzione di qualunque questione di competenza propria di tali enti.

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Miocomune Atom News Miocomune RSS News

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di piu o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Per accettare i cookie, memorizzare la scelta e nascondere questo banner clicca su Accetto.