Miocomune.it

La tua informazione locale

Mer11122019

Ultimo Aggiornamento:10:54:15

Indietro Tirreno Tirreno News Politica San Nicola Arcella, carenza idrica: la Sorical replica all'opposizione

San Nicola Arcella, carenza idrica: la Sorical replica all'opposizione

  • PDF

SAN NICOLA ARCELLA – 27lug. - La rete idrica colabrodo. I consiglieri d'opposizione, con una nota diffusa in questi giorni, avevano sollevato la problematica del consumo di acqua eccessivo e della carenza che genera disagi nel periodo estivo. In gran parte il problema viene attribuito alla rete idrica inadeguata e vecchia. L'opposizione si è anche scagliata contro la sindaca Barbara Mele.

La Sorical, con una nota a firma del commissario Luigi Incarnato, però precisa che la situazione di San Nicola Arcella è simile a tanti altri comuni calabresi dove, a causa delle perdite, il fabbisogno di approvvigionamento arriva ad essere, talvolta, anche il doppio. “Interveniamo – scrive la Sorical - al fine di fare chiarezza e tranquillizzare i consiglieri comunali di maggioranza e opposizione, sottolineando che il ruolo della Sorical è sempre improntato alla correttezza istituzionale, alla trasparenza e alla salvaguardia dei diritti dei cittadini. Il gruppo di opposizione al Comune di San Nicola Arcella, “Liberi di Cambiare”, ha carpito notizie sulla fornitura idrica di Sorical, diffuse in buona fede e in trasparenza, da un ufficio periferico della società, per farne un uso strumentale e pretestuoso”. La Sorical, ovviamente, non intende entrare nelle beghe politiche e però fornisce anche il quadro completo della situazione al gruppo di opposizione. “Ci corre l’obbligo di ricordare al gruppo “Liberi di cambiare” che non c’è Comune in Calabria che non necessiti di almeno il doppio di dotazione di acqua ai serbatoi, in relazione alla popolazione da servire. Tale anomalia, che ha costi economici e sociali rilevanti, è causata da anni di mancati investimenti sulle reti idriche di distribuzione all’utenza. E’ noto che dall’entrata in vigore della legge Galli, i costi di gestione e parte degli investimenti, devono essere coperti con tariffa.

L’attuale sistema calabrese, con la prevalente gestione in economia dei Comuni, impedisce di avere una gestione industriale efficiente con tutto ciò che ne consegue. Perdite idriche, allacci abusivi, alta morosità, impediscono di avere un servizio efficiente ed omogeneo su tutto il territorio calabrese”. Luigi Incarnato scende nei particolari e a San Nicola Arcella, così come accade in quasi tutti i comuni della riviera: “La questione è ancora più complessa – spiega - perché si tratta di zone ad alta incidenza di presenze turistiche, soprattutto nel mese di agosto, con picchi di richieste di quantità di risorsa idrica aggiuntiva non disponibile dalle attuali fonti di approvvigionamento. Quindi solo con l’ottimizzazione delle reti idriche e un controllo sul corretto utilizzo dell’acqua potabile, si possono soddisfare le maggiori richieste di fornitura dei cittadini ed evitare disagi. Sorical, negli ultimi anni, è impegnata a trovare soluzioni a problemi annosi e da troppo tempo sottaciuti, in attesa che altri organi istituzionali, Regione e Comuni, completino il riordino del sistema, orami atteso da 25 anni. 

L’individuazione di un soggetto gestore a cui affidare il servizio idrico integrato, un credibile piano pluriennale di investimenti, sono le precondizioni per assicurare alle nuove generazioni l’accesso a un bene comune come l’acqua. Tutto questo è previsto da norme di legge che vanno attuate e non eluse”.

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Miocomune Atom News Miocomune RSS News

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di piu o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Per accettare i cookie, memorizzare la scelta e nascondere questo banner clicca su Accetto.