Miocomune.it

La tua informazione locale

Sab14122019

Ultimo Aggiornamento:10:54:15

Indietro Tirreno Tirreno News Politica Scalea, Porto: l'intervento dell'editore Cardillo

Scalea, Porto: l'intervento dell'editore Cardillo

  • PDF

SCALEA – 12 giu - Il porto, terreno di attività politica. L'editore milanese Osvaldo Cardillo, da tempo impegnato nel dibattito avviato nella cittadina tirrenica di origine, commenta i segnali di fumo inviati nei giorni scorsi da Pd e Pdl sulla realizzazione del Marina di Talao. «La parte iniziale dell'articolo – scrive Cardillo - mette in evidenza, a mio avviso, la velocità delle mani leste (argomentazioni profonde accompagnate da movimenti veloci delle mani che aiutano il politico di turno a raccontarle "grosse" ). Il Pd dice la sua in proposito all'oggetto, ma non firma e in questo caso la mano destra era momentaneamente anchilosata. Palla al centro e risponde il portavoce del Pdl. Una " sbrodolata " del peggiore lessico che una certa politica usa spesso.

Fra le cose da spiegare, gentile signor coordinatore, c'è anche, oltre alla conduzione dell'amministrazione di Scalea da tredici anni, la famosa aviosuperficie di cui avete menato vanto fino alla noia. Di chiacchiere il paese non ne ha più bisogno. Del porto abbiamo detto tutto e se ne sono occupati fior di professionisti. Se poi fra quelli che pontificano da lontano, che il coordinatore cita, mettiamo gli architetti Carmela e Sergio Cotrone allora forse è il caso di riflettere seriamente sulle sciagure

annunciate e documentate da essi con grande serietà e competenze, che possono verosimilmente nascere da un cantiere aperto prima e da lavorazioni vergognose per l'ambiente e drammatiche per il paese dopo. Se poi il coordinatore fra i "pontificatori" mette altri che portano amore e rispetto per il paese si vada a rileggere o leggere la storia di Torre Talao, di Scalea e degli scaleoti. Il paese – aggiunge Cardillo - già in estate si ritrova per l'ennesima volta, ma con aggiunte importanti, rispetto agli anni passati, con il sedere per terra. Strade sfasciate, segnaletica inesistente, turismo? morto prima ancora di inizio luglio, quaranta milioni di euro di debiti, rifiuti in ogni dove. E il mare come sarà? E le zanzare e le rane di canale Tirello pieno di "liane"! Dimissioni sarebbe una parola da usare da parte di tutti per ripartire con le idee più chiare se si vuole. La campagna elettorale è già iniziata e Scalea, è già in movimento e un gruppo di giovani sono "in ritiro spirituale". Di turismo e quindi di verde pubblico, di speculazione edilizia, di Centro Storico, di controllo del territorio ecc. ne abbiamo parlato in tanti da sgolarci e vorremmo continuare a parlarne soltanto in termini positivi».

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

© riproduzione riservata

Miocomune Atom News Miocomune RSS News

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di piu o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Per accettare i cookie, memorizzare la scelta e nascondere questo banner clicca su Accetto.