Miocomune.it

La tua informazione locale

Gio21112019

Ultimo Aggiornamento:10:54:15

Indietro Tirreno Tirreno News Politica Scalea, più uomini e mezzi per le forze dell'ordine

Scalea, più uomini e mezzi per le forze dell'ordine

  • PDF

SCALEA - 24 lug. - A seguito dell'interrogazione parlamentare presentata dall'On. Ernesto Magorno un gruppo di sindaci del Tirreno cosentino tra cui quelli di Cetraro, Acquappesa, Acquaformosa, Aieta, Cerzeto, Fuscaldo, Guardia Piemontese, Orsomarso, Praia a Mare, Sant’Agata d’Esaro, Villapiana, ha scritto al Ministro della Difesa, il Sen. Mario Mauro per chiedere la costruzione della caserma della Tenenza di Scalea e l'apertura di quella dei Carabinieri di Cetraro. La lettera è stata firmata da: Giuseppe Aieta, sindaco di Cetraro; Giovanni Saverio Capua, sindaco di Acquappesa; Giovanni Manoccio, sindaco di Acquaformosa; Giovanni Ceglie, sindaco di Aieta; Giuseppe Rizzo, sindaco di Cerzeto; Gianfranco Ramundo, sindaco di Fuscaldo; Vincenzo Rocchetti, sindaco di Guardia Piemontese; Paola Maria Candia, sindaco di Orsomarso; Antonio Praticò, sindaco di Praia a Mare; Luca Branda, sindaco di Sant’Agata d’Esaro; Roberto Rizzuto, sindaco di Villapiana.

Nella lettera si legge: «Le scriviamo in merito alle problematiche della sicurezza del Tirreno Cosentino, un territorio particolarmente vasto e diversificato, nel quale purtroppo si registrano seri fenomeni legati alla presenza della criminalità organizzata. Inoltre, questo comprensorio, per la propria vocazione prettamente turistica, vede nel periodo estivo l'aumento esponenziale delle presenze a cui consegue un aumento dei rischi relativi all'ordine pubblico. In questo contesto, le forze dell'ordine svolgono un lavoro encomiabile a tutela della sicurezza dei cittadini e assolvono, brillantemente ed in maniera puntale, il loro compito di contrasto ai fenomeni delinquenziali. Però, com'è stato più volte rilevato – dicono i Sindaci - i rappresentanti delle Forze dell'Ordine si trovano a operare nella scarsità di mezzi, con organici esigui e senza la possibilità di usufruire di strutture adeguate. Esemplificativi in questo senso sono i casi della Compagnia dei Carabinieri di Scalea e della Caserma dei Carabinieri di Cetraro. La prima delle strutture, la Tenenza dei Carabinieri di Scalea, nonostante sia stato individuato il sito e trovate le relative risorse economiche, è ancora da realizzare.

La Caserma dei Carabinieri di Cetraro, invece, sebbene completata da due anni, non è stata mai aperta, perché il Ministero dell’Interno, a causa della crisi economica,  non dispone delle somme a suo tempo pattuite, con le quali si impegnava a riconoscere un canone di locazione annuo da versare alla società costruttrice che, tra l’altro, ha realizzato i lavori a proprie spese. Noi, nella funzione di sindaci e quindi di responsabili della sicurezza dei comuni che amministriamo, riteniamo che il nostro territorio abbia l'urgente necessità di dotarsi di quei presidi, che tutelino la sicurezza e contrastino l'illegalità, operando nel contempo da deterrente al diffondersi del cancro della criminalità organizzata. Pertanto, facendo seguito all’interrogazione parlamentare a lei indirizzata e presentata dall’onorevole Ernesto Magorno in Commissione Difesa, ci rivolgiamo anche noi alla sua persona, chiedendo, per quanto di sua competenza, di intervenire affinché la nuova Caserma dei Carabinieri di Cetraro sia al più presto aperta e resa operativa nonché vengano iniziati, in tempi brevi, i lavori di costruzione della Compagnia dei Carabinieri di Scalea. Chiediamo altresì– scrivono in conclusione i sindaci -, che in tutto il nostro territorio le Forze dell'Ordine siano dotate di organici più consistenti in modo tale da soddisfare le reali esigenze del territorio».

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

© riproduzione riservata

Miocomune Atom News Miocomune RSS News

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di piu o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Per accettare i cookie, memorizzare la scelta e nascondere questo banner clicca su Accetto.